Movisport alla terza “tricolore” della Targa Florio: Basso e Crugnola all’attacco del vertice

La terza prova del Campionato Italiano Rally sarà quella del rinnovato attacco al vertice per i due alfieri del sodalizio reggiano, con anche Michelini in cerca di continuità, tornando sulla Polo R5. Lo scorso fine settimana ottimo avvio dell’IRCup per Tosi, quinto a Piancavallo ed ottimo esordio nel Challenge Mini per il giovane Roveda, andato subito a podio. Foto Bettiol

Reggio Emilia, 4 maggio 2021 – Allungare in vetta alla classifica per Scuderie, cercare l’attacco al vertice della classifica assoluta piloti per Basso e Crugnola e trovare sempre più stimoli nel CIRA, il Campionato “Asfalto” a partire da Michelini, per proseguire con Scattolon e Pollara. Sono questi i target che ha Movisport per il terzo atto del Campionato Italiano Rally, La Targa Florio, la corsa automobilistica più antica al mondo, la cui 105^ edizione si avolgerà in provincia di Palermo questo fine settimana.

Per quanto riguarda la classifica tricolore per i sodalizi, Movisport veleggia con 30 punti in testa, sei in più del diretto inseguitore, mentre per il ranking dei piloti, sia Giandomenico Basso/Lorenzo Granai (Skoda Fabia) che Andrea Crugnola/Pietro Ometto (Hyundai i20) hanno in obiettivo l’assalto deciso al podio. Adesso sono rispettivamente quarto e quinto nella generale, divisi da cinque punti, dopo due gare in cui la Dea bendata ha tradito i due equipaggi, indicati da tutti come i favoriti per il successo finale. Dunque, dopo due gare sfortunate, adesso è il momento del riscatto e non ci sarebbe cosa migliore che farlo proprio nelle difficili prove speciali siciliane, che dominarle è sempre un’emozione unica per qualsiasi pilota.

Prestazioni di spessore si attendono anche da Rudy Michelini. Il pilota lucchese, affiancato da Michele Perna si trova ai vertici della classifica “asfalto”, in terza posizione, econta di riscattare in pieno la sfortuna sofferta lo scorso anno alla gara siciliana e nel contempo di dare continuità alle prime due notevoli prestazioni stagionali. Per farlo, ha deciso di tornare alla guida della VolksWagen Polo R5 dopo aver saggiato a Sanremo la nuova Skoda Fabia Evo2. Per lui anche un occhio all’assoluta tricolore, dove è ben sesto assoluto.

Giacomo Scattolon e Giovanni Bernacchini, con la Volkswagen Polo R5, cercheranno pure loro di andare decisi a zona punti dopo un avvio stagionale in cerca del miglior feeling con la vettura e certamente vorrà invertire la tendenza negativa  Marco Pollara con Mangiarotti alle note. Al Ciocco uscito di strada, mai entrato in sintonia con il percorso del “Sanremo”, il pilota siciliano cerca conforto quindi sulle strade “di casa” per girare decisamente pagina.

Alla gara tricolore Movisport aggiungerà anche la partecipazione di Luca Hoelbling e Federico Fiorini, su una Hyundai i20 R5 al Rally della Valpolicella, a san Pietro in Cariano (Verona), valido per la Coppa Rally di 3^ zona.

TOSI DA TOP FIVE A PIANCAVALLO. Gianluca Tosi ha avviato alla grande il Campionato IRCup, finendo quinto assoluto il  34. Rally di Piancavallo, gara che ha inaugurato la stagione di riferimento del pilota portacolori di Movisport. Affiancato da Alessandro Del Barba, al volante della consueta Skoda Fabia R5 di Gima Autosport, il driver di Castelnuovo Monti è stato tra i protagonisti di prima scena della gara pordenonese, avversata in ampia parte dal maltempo e caratterizzata da prove speciali molto ostiche.Con il Rally Piancavallo, Tosi e del Barba, avevano anche il classico “conto in sospeso: era dall’ultima volta che vi parteciparono due anni fa (era il loro debutto), finendo sesti assoluti ma con un poco di amaro in bocca causato da qualche magagna di ordine tecnico.Risultato dunque migliorato di una posizione ma con una prestazione di alto profilo, che oltre a guardare ai singoli parziali di gara ha dovuto far fronte a difficoltà date dalle condizioni meteorologiche che hanno avversato il rally oltre che dalle strade stesse, come tradizione molto tecniche, oltre che guardarsi da avversari di livello.PODIO “MINI”. A Monza, lo scorso fine settimana, ha preso il via il Mini Challenge Academy, dodici round, sei weekend di gara su circuiti italiani di fama internazionale, più di 20 vetture in griglia e altrettanti piloti pronti a contendersi il titolo di Campione del trofeo monomarca del celebre marchio d’oltre Manica. Anche in questo caso Movisport ha avviato al meglio la stagione, con il giovane Tommaso Roveda, il vincitore della selezione Mini Challenge Academy 2021, a bordo di una MINI John Cooper