MOVISPORT DOMINA LA WRC-2 ALL’ARCTIC RALLY: VITTORIA DI LAPPI, GRYAZIN TERZO

L’appuntamento clou del fine settimana appena passato ha rappresentato un vero trionfo dei colori reggiani alla seconda prova iridata in Lapponia, di due terzi del podio conquistati al termine di una competizione tanto veloce quanto difficile. Soddisfazioni anche nella terra toscana del “Valle de Tevere”, con Maselli vicino al podio e Tonelli terzo nelle “storiche”

Reggio Emilia, 01 marzo 2021 – Buona la seconda, per Movisport. Buona la seconda prova iridata del 2021, l’Arctic Rally, in Lapponia, nel fine settimana appena trascorso, dove i colori reggiani sono sventolati in due dei tre gradini del podio della competizione riservata al WRC-2, per i piloti privati con le vetture “Rally2”, e dove il sodalizio è iscritto come team.

Esapekka Lappi e Janne Ferm, VolksWagen Polo GTI, hanno vinto la gara con forza (anche decimi assoluti), con ben 44”7 sul secondo arrivato, il norvegese Mikkelsen e terzi (e dodicesimi assoluti) sono giunti Nikolay Gryazin – Konstantin Alexandrov, anche loro con la vettura tedesca, a completare una domenica decisamente di apoteosi. DI alto livello, le prestazioni di entrambi gli equipaggi, i quali hanno sempre gravitato ai vertici di categoria, confermando la competitività della Polo e la loro forza, messa al servizio di Movisport e della sua bandiera.

Bandiera che ha portato alta, in Finlandia, anche il veronese  Luca Hoelbling, affiancato dal fido Luca Fiorini, in cerca di sensazioni forti sulla neve, con la Hyundai i20 Rally2. Sensazioni che ha trovato finendo 44° Assoluto e primo degli italiani in gara.

TERRA “D’AUTORE”, TERRA DI GRANDI SORRISI, AL “TEVERE”

Una gara da grandi firme, la prima edizione del Rally Terra Valle del Tevere, a Sansepolcro, provincia di Arezzo, per  Andrea Maselli e Milena Danese i quali hanno ripreso l’argomento “Raceday” di nuovo con la Hyundai i20 R5, finendo al quarto posto assoluto, culmine di una prestazione di spessore, fatta di tattica giusta e di un prosieguo di lavoro intorno alla vettura coreana, decisamente di alto profilo. Maselli e Danese sono partiti con cautela per poi operare una progressione importante che li ha portati ai piedi del podio, a conferma appunto che il dialogo con la i20 sta diventando decisamente importante.

Tutto l’ambiente rallistico nazionale ha salutato con soddisfazione ed affetto il ritorno, dopo ben cinque anni di pausa del versiliese Emanuele Dati, ritrovando al suo fianco Giacomo Ciucci (i due corsero le ultime gare del pilota facendo coppia) su una Ford Fiesta R5 di GB Motors Racing. Hanno chiuso in 13^ posizione finale, con il pilota che ha soprattutto guardato a smaltire la tanta “ruggine” dell’inattività e sicuramente a cercare di trovare il miglior dialogo possibile con la vettura “dell’ovale blu”. Anche per loro una gara in crescita costante, sicuro capitale da utilizzare per le prossimi uscite.

Vedere il traguardo, dopo un’intensa giornata di guida al volante della veloce e impegnativa Škoda Fabia, è stato il risultato cercato e raggiunto da Sergio Emiliano Biondi affiancato da Albrecht Baruffa. Il 36enne pilota argentino, piacevole presenza dei rallies italiani da alcune stagioni, ha vissuto un week end in terra toscana che difficilmente dimenticherà partecipando al 1° Rally Terra Valle del Tevere. Percorso nuovo, navigatore inedito, ma innanzitutto una vettura  completamente da scoprire. Biondi era al debutto assoluto nell’ultimo fine settimana di febbraio con una vettura 4×4 turbo, dopo aver corso per parecchie stagioni con delle piccole vetture a trazione anteriore a motore aspirato.

Nella parte invece “historic”, della gara aretina, tornavano con voglia di riscatto Andrea Tonelli e Roberto Debbi, sulla loro Ford Escort RS, con la quale si ponevano tra i favoriti al successo finale. E’ stata una gara di soddisfazione, per loro, con il terzo posto assoluto conquistato di forza, secondi del terzo raggruppamento, dietro al vincitore della gara, il sammarinese Pelliccioni. In ampia parte, dunque, riscattata la sfortuna del 2020 e pronti ad un nuovo anno di grandi performance.