MS Munaretto, da nord a sud per CIWRC e CRZ

Secondo appuntamento con il Campionato Italiano WRC sugli asfalti salentini, al via saranno Carella, Liburdi e Fabiani. Al Bellunese con un poker composto da Pellizzari, Pizzato, Toffano, e Menegatti. Foto Fabrizio Buraglio

Schio (Vicenza) – 18 maggio 2021. MS Munaretto si appresta ad affrontare un fine settimana particolarmente gravoso, che prevede un massiccio dispiegamento di uomini e mezzi tra nord e sud Italia, a conferma del positivo lavoro che la squadra mette in campo, gara dopo gara, con costanza e professionalità. Gli equipaggi al via, sette in totale, saranno ripartiti tra Salento e Bellunese.

Ad infiammare le veloci ed impegnative strade salentine saranno gli equipaggi iscritti al 53° Rally del Salento, secondo appuntamento del Campionato Italiano WRC.

Dopo un Rallye Elba di alto profilo, che gli ha permesso di conquistare l’argento nella classe R5, il piacentino Andrea Carella, nell’abitacolo di una Skoda Fabia R5 EVO assieme ad Elia De Guio, torna con grande piacere a calcare le prove-speciali dell’importante kermesse, a lui particolarmente congeniali, senza nascondere la propria sete di vittoria. Skoda Fabia R5 anche per Stefano Liburdi, coadiuvato da Andrea Colapietro, desideroso di riscatto, su un percorso che nel passato lo ha visto più volte salire sul podio della classe S2000, dopo una prima uscita di campionato poco fortunata.

Nuovo innesto tra le fila del CIWRC con l’equipaggio composto da Lorenzo Fabiani e Monica Chiacchiera, che proprio dal Rally del Salento inizia il proprio cammino stagionale nel prestigioso campionato, al volante di una Peugeot 207 S2000 ancora ampiamente capace di fare la voce grossa.

Da sud a nord, con altri quattro equipaggi al via del Rally Bellunese, giunto alla 34° edizione.

Due le Skoda Fabia R5 scrupolosamente preparate per l’occasione, la prima in versione EVO per Paolo Pellizzari, che sarà affiancato da Paolo Poggiana, e la seconda per Mike Pizzato, che dividerà “l’ufficio” con Davide Cortese. Per entrambi l’occasione sarà ghiotta per confrontarsi con un parterre di avversari di primissimo livello e “sgranchirsi le ossa” con l’R5 boema in vista di possibili futuri appuntamenti.

Guanti, tuta e casco anche per Giovanni Toffano, affiancato da Matteo Gambasin, impegnato nel primo “start” dell’anno, con una Peugeot 207 S2000, a guadagnarsi un podio di classe sulle sempre spettacolari prove “disegnate” tra i paesaggi della Val Belluna e della Pedemontana bellunese.

Completa il quartetto Paolo Menegatti, in un gradito ritorno sulla Renault Clio S1600, auto che conosce nei minimi dettagli e che saprà spremere a fondo. Per il forte driver di Zanè sarà un’occasione importante per rivivere grandi emozioni e tenersi in allenamento, in vista degli altri appuntamenti della stagione.