Non c’é tricolore rally senza “Ciocco”

Doppio appuntamento con tre alfieri iscritti al Campionato Italiano Assoluto Rally nella gara toscana per eccellenza, oltre ad un poker d’assalto tra le colline veronesi.

Schio (Vicenza) – 2 marzo 2022. Questo fine settimana, nei giorni compresi tra giovedì 3 e sabato 5, si riaccendono i riflettori sul massimo campionato italiano e MS Munaretto si presenta con un trittico di alto profilo. Inizia il percorso nel Campionato Italiano Assoluto Rally, dalla 45° edizione del Rally il Ciocco e Valle del Serchio, il ventinovenne Fabio Andolfi, affiancato dal navigatore Manuel Fenoli, “in sella” ad una Skoda Fabia R5 EVO che lo accompagnerà lungo tutti i sette appuntamenti a calendario.

Il driver ligure, dopo aver chiuso un’ottima stagione 2021 in terza posizione assoluta, riparte consapevole delle proprie potenzialità e determinato a dare il 110%, fissando come imprescindibile obbiettivo il raggiungimento dell’alloro finale.

A solcare gli asfalti della Garfagnana, con due splendide Peugeot 208 Rally4, ci saranno anche Luca Bottarelli e Fabrizio Giovanella, affiancati rispettivamente da Walter Pasini ed Andrea Dresti.

Anche per loro, dal “Ciocco”, inizia una stimolante e parimenti ambiziosa sfida nel CIAR, entrambi infatti non fanno mistero di voler primeggiare nella categoria riservata alle vetture due ruote motrici e promettono battaglia fin dal primo chilometro.

Il Ciocco 2022 sarà sviluppato su 12 prove-speciali, suddivise in due tappe, per un totale di 120 km cronometrati; partenza nel pomeriggio di venerdì 4 alle ore 14.15 da Il Ciocco Pattinaggio e arrivo il sabato in serata sempre all’interno della Tenuta Il Ciocco.

Ben quattro equipaggi saranno poi al via del 18° Benacus Rally, evento iscritto tra le fila della Coppa Rally di Zona terza sezione.

Due le Skoda Fabia R5, minuziosamente preparate per dare il meglio sulle strade delle colline veronesi e messe a disposizione dal team scledense per l’evento, una in versione EVO per l’esperto Giovanni Costenaro, affiancato nella transizione dalle vetture storiche alle moderne da Matteo Gambasin, ed un’altra per Diego Zantedeschi, che vedrà al proprio fianco il fedele Stefano Righetti.

Al via, per chiudere il conto in sospeso con la passata edizione, anche il pilota di Arzignano Michele Griso, al volante dell’amata Ford Fiesta R5 che si troverà a dividere con Alessandro Lucato.

Completa il poker di piloti Ludwig Zigliani, con alle note Giuseppe Rota, subito in auto, sempre con una Renault Clio S1600, dopo la divagazione “pistaiola” dello scorso fine settimana.