Nuova Audi A3: sicurezza da prima della classe

  • Tecnologie derivate dai modelli Audi di categoria superiore: disponibili sino a tre radar, cinque telecamere e dodici sensori a ultrasuoni
  • Frenata automatica con riconoscimento di veicoli, pedoni e ciclisti, supporto all’aggiramento dell’ostacolo, assistenza al mantenimento di corsia e chiamata d’emergenza di serie
  • Adaptive cruise assist: regola automaticamente la distanza dal veicolo che precede e contribuisce a mantenere il centro corsia, anche in presenza di lavori in corso
  • A richiesta, assistenza al cambio di corsia e al traffico trasversale posteriore, avviso d’uscita, riconoscimento della segnaletica stradale ed head-up display
  • Sicurezza e comfort in manovra: l’assistente al parcheggio gestisce in autonomia le manovre in entrata e uscita dai posteggi

INGOLSTADT (Germania), 10 giugno – La quarta generazione della compatta di Ingolstadt mutua dai modelli Audi di categoria superiore un ricco portfolio di tecnologie d’assistenza al conducente. Dalla marcia nel traffico ai viaggi autostradali, dalle manovre in parcheggio alle situazioni limite, come collisioni o lavori in corso, gli ADAS appannaggio della berlina dei quattro anelli garantiscono protezione e comfort.

La frenata automatica d’emergenza? Di serie. Il riconoscimento di veicoli, pedoni e ciclisti? Di serie. Il supporto alle manovre di aggiramento dell’ostacolo? Di serie. L’assistenza al mantenimento della corsia? Di serie. E la chiamata d’emergenza? Anch’essa di serie. In aggiunta, a partire dalla versione Business, il cruise control è adattivo e, nel caso delle vetture dotate di trasmissione automatica S tronic, integra la funzione Stop&go che gestisce autonomamente l’auto nel traffico. Nuova Audi A3, nelle Concessionarie italiane da fine giugno, mutua dai modelli Audi di classe superiore tanto l’infotainment e le soluzioni di connettività quanto le tecnologie di assistenza alla guida, garantendo comfort e sicurezza in ogni frangente.

Nuova Audi A3, già ordinabile nelle versioni Sportback e Sedan, nella configurazione top di gamma si avvale di un radar anteriore a medio raggio (con portata sino a 160 metri e angolo di rilevamento di 60°) per il monitoraggio di quanto accade dinanzi all’auto e di due radar posteriori (con portata sino a 70 metri) cui si aggiungono una telecamera frontale, quattro telecamere perimetrali e dodici sensori a ultrasuoni. Dotazioni alla base dell’operato dell’Audi pre sense front, che previene gli impatti con gli altri veicoli, i pedoni e i ciclisti. Qualora il sistema ravvisi una condizione di potenziale pericolo, a un primo alert visivo e sonoro segue un impulso in corrispondenza del pedale del freno e quindi, in assenza di reazioni del conducente, una frenata d’emergenza per evitare o ridurre le conseguenze della collisione. Le medesime tecnologie di rilevamento ambientale supportano il collision avoid assist che assiste il guidatore nell’evitare un ostacolo individuando una traiettoria alternativa in funzione della distanza, degli ingombri e dello scarto trasversale del veicolo che precede. In questo caso, a una frenata mirata si accompagna una ridotta coppia sterzante per agevolare la schivata.

Oltre alla frenata automatica d’emergenza e al supporto alle manovre di aggiramento dell’ostacolo, nuova Audi A3 si avvale sin dall’allestimento d’ingresso dell’assistenza al mantenimento della corsia. A partire da una velocità di 60 km/h, se l’auto si avvicina alle linee di demarcazione senza che il conducente abbia attivato gli indicatori di direzione, il sistema contribuisce a riportare la vettura in carreggiata, effettuando degli interventi correttivi allo sterzo. Non meno rilevante l’inclusione nel primo equipaggiamento di nuova Audi A3 della chiamata d’emergenza e assistenza Audi connect, attiva automaticamente – o manualmente mediante lo specifico pulsante – in caso d’incidente così da trasmettere i dati relativi all’impatto al Call Center Audi dedicato. Qualora si verifichi un guasto o il sinistro non comporti conseguenze di rilievo, ad esempio in assenza dell’apertura degli air bag o dell’entrata in funzione del pretensionatore delle cinture, il servizio online di assistenza stradale e l’Audi incident assistant, vale a dire lo shortcut nel display MMI touch che invita alla chiamata d’emergenza, forniscono immediato supporto. Il pacchetto è ulteriormente arricchito dalla funzione Audi service request: previa registrazione mediante l’app myAudi, il Service Partner prescelto è informato dell’avvicinarsi degli appuntamenti d’assistenza, così da contattare il Cliente con un congruo anticipo.

Tra le tecnologie a richiesta, il sistema più raffinato appannaggio di nuova Audi A3 è costituito dall’adaptive cruise assist, che supporta il conducente regolando automaticamente la distanza dal veicolo che precede e contribuendo, mediante lievi interventi correttivi allo sterzo, a mantenere direzionalità e centralità all’interno della corsia, anche in caso di restringimenti della carreggiata. Nel traffico stop-and-go, il sistema frena Audi A3 sino al completo arresto: la vettura viene riavviata automaticamente agendo sulla frizione, qualora sia presente il cambio manuale, o sull’acceleratore, nel caso della trasmissione automatica. Se abbinato all’emergency assist, il sistema è in grado di riconoscere l’inattività del conducente, avvisandolo con segnali visivi, acustici e tattili. Nel caso in cui il guidatore non reagisca, il sistema subentra alla guida di Audi A3 rallentando automaticamente la vettura fino all’arresto in corsia e attivando sia le quattro frecce sia la chiamata d’emergenza.

Attingendo alle dotazioni a richiesta, sono disponibili ulteriori tecnologie di pregio quali l’assistenza al cambio di corsia e al traffico trasversale posteriore. Nel primo caso, a velocità comprese tra 15 e 250 km/h, qualora una manovra venga giudicata critica, ad esempio per la presenza di un veicolo in corrispondenza dell’angolo di visuale cieco, un LED di avvertimento si attiva in corrispondenza dello specchietto retrovisivo esterno. Una funzione resa possibile dall’interazione tra i radar che monitorano i lati destro e sinistro e la zona alle spalle dell’auto. L’avviso d’uscita segue la medesima logica, anche a vettura ferma, con l’integrazione di una segnalazione acustica per richiamare l’attenzione del conducente sulla presenza di veicoli e ciclisti in avvicinamento da dietro. L’assistente al traffico trasversale posteriore, in uscita in retromarcia dagli spazi di parcheggio trasversali e diagonali, allerta il conducente in merito alla presenza di veicoli in arrivo, visualizzando un’indicazione sul display MMI. In situazioni particolarmente critiche, viene emesso un segnale acustico e attivato un intervento frenante.

Arricchiscono la gamma dei sistemi di assistenza alla guida il freno di stazionamento elettrico con ausilio alla partenza, il riconoscimento della segnaletica stradale, il sistema Audi pre sense basic – che adotta misure preventive quali il pretensionamento delle cinture di sicurezza, la chiusura tanto dei cristalli laterali quanto del tetto apribile e l’attivazione delle quattro frecce – e la retrocamera. Successivamente al lancio, saranno disponibili le telecamere perimetrali. Quanto alla sosta, il sistema di ausilio al parcheggio plus è di serie per le versioni Business Advanced ed S line edition. Ai sensori acustici e visivi anteriori e posteriori si accompagna l’assistente al parcheggio che, mediante i sensori a ultrasuoni, facilita l’entrata negli stalli perpendicolari ed effettua in autonomia le manovre in entrata e uscita dai posteggi paralleli. Il conducente deve solo accelerare, frenare e controllare l’operazione, mentre la vettura gestisce autonomamente lo sterzo.

Completa il portfolio delle dotazioni di sicurezza di nuova Audi A3 l’head-up display, a richiesta, in grado di proiettare le informazioni relative ai sistemi di assistenza, di navigazione o i messaggi di avviso direttamente nel campo visivo del conducente. La visualizzazione a colori, a elevato contrasto, è regolabile in altezza così che il guidatore non distolga lo sguardo dalla strada. Le tecnologie opzionali appannaggio di Audi A3 Sportback e Audi A3 Sedan sono disponibili singolarmente o in configurazione aggregata grazie al Pacchetto assistenza che raggruppa il sistema di navigazione MMI plus con MMI touch e il cruise control adattivo – limitatamente all’allestimento d’ingresso – il riconoscimento della segnaletica stradale, il sistema di ausilio al parcheggio plus con assistente al parcheggio (di serie dalla variante Business Advanced)  e l’adaptive cruise assist con emergency assist.

Consumi ed emissioni della gamma Audi A3*

A3 Sportback 1.0 (30) TFSI – 5,4/6,0 litri/100 km – 123/136 g/km di CO2 – 106/111 g/km di CO2 (ciclo NEDC)

A3 Sportback 1.5 (35) TFSI – 5,8/6,4 litri/100 km – 131/145 g/km di CO2 – 111/116 g/km di CO2 (ciclo NEDC)

A3 Sportback 1.5 (35) TFSI S tronic MHEV 48V – 5,6/6,2 litri/100 km – 128/142 g/km di CO2 – 109/115 g/km di CO2 (ciclo NEDC)

A3 Sportback 2.0 (30) TDI – 4,2/4,7 litri/100 km – 111/123 g/km di CO2 – 92/96 g/km di CO2 (ciclo NEDC)

A3 Sportback 2.0 (35) TDI S tronic – 4,5/5,1 litri/100 km – 118/132 g/km di CO2 – 98/103 g/km di CO2 (ciclo NEDC)

A3 Sedan 1.0 (30) TFSI – 5,3/5,8 litri/100 km – 120/133 g/km di CO2 – 106/108 g/km di CO2 (ciclo NEDC)

A3 Sedan 1.5 (35) TFSI – 5,7/6,3 litri/100 km – 129/143 g/km di CO2 – 111/114 g/km di CO2 (ciclo NEDC)

A3 Sedan 1.5 (35) TFSI S tronic MHEV 48V – 5,5/6,1 litri/100 km – 125/139 g/km di CO2 – 109/113 g/km di CO2 (ciclo NEDC)

A3 Sedan 2.0 (30) TDI – 4,1/4,6 litri/100 km – 108/121 g/km di CO2 – 92/95 g/km di CO2 (ciclo NEDC)

A3 Sedan 2.0 (35) TDI S tronic – 4,4/5,0 litri/100 km – 117/130 g/km di CO2 – 98/101 g/km di CO2 (ciclo NEDC)