Presentata l’Italian Baja in formato Artugna Race

Presentata sabato ad Aviano un’edizione di rilancio ricca di sorprese. Foto Alfredo Del Col

14 marzo 2021_ Finalmente svelato il nuovo Italian Baja International in formato “Artugna Race”. Perché la corsa organizzata dal Fuoristrada Club 4×4 Pordenone, grazie al sostegno e all’impulso delle Amministrazioni comunali di Aviano, Budoia, Fontanafredda e Polcenigo, lambirà il torrente della pedemontana e tornerà protagonista del risveglio “motoristico” primaverile. Ieri mattina ad Aviano c’è stata la presentazione ufficiale, salutata con particolare favore dai sindaci Ilario De Marzo Zompit, Ivo Angelin, Mario Della Toffola, Michele Pegolo, e dagli amministratori di Interporto Pordenone, il presidente Silvano Pascolo e l’amministratore delegato Giuseppe Bortolussi. Appuntamento fissato a venerdì prossimo 19 marzo, ore 14, per l’inizio delle operazioni preliminari con base all’Interporto dove sarà allestito l’intero quartiere generale della corsa. Verifiche sportive in formato smart, verifiche tecniche dei veicoli con il solo personale addetto. In serata scelta dei numeri di partenza per i primi 10 concorrenti e breafing con il direttore di gara. Sabato 20 marzo la partenza dall’Interporto alle ore 9:15. L’unico settore selettivo “Artugna” di 30,25 km su fondo sterrato e compatto, verrà percorso per tre volte con start in zona industriale a San Giovanni di Polcenigo (ore 10:00, 12:30, 15:00) e fine prova ad Aviano in via del Menegoz. Rientro dopo ogni giro all’Interporto per il parco assistenza e a fine giornata per la doppia cerimonia di premiazione con inizio alle 18. Infatti l’Italian Baja International Artugna Race è prima gara del Campionato Italiano Cross Country e dell’Italiano Ssv, che suddivide in classifiche separate i fuoristrada con preparazione T1 (prototipi) e T2 (derivati dalla serie), e i “side by side vehicles” con preparazione T3 (prototipi) e T4 (derivati dalla serie). Questi ultimi sono i tubolari leggeri che hanno rilanciato la specialità grazie a prestazioni esaltanti e spettacolari, unite a costi di gestione contenuti. “Siamo estremamente soddisfatti di un lavoro di squadra a largo scacchiere – così ha riassunto Pascolo – che fa il bene del territorio e agevola la ripartenza economica anche attraverso quelle competizioni sportive che riescono a fare da volano per visibilità e indotto”. Sulla stessa linea i primi cittadini dei comuni interessati dalla corsa, con chiosa motoristica di Pegolo: “Da soli si va più veloci, ma insieme si va più distanti!”.