Rally Cup Italia, in tre per Collecchio Corse

Felino (PR), 27 Ottobre 2021 – In tre per un grande sogno, questo in sintesi il fine settimana che attende i portacolori di Collecchio Corse in vista dell’imminente finale Rally Cup Italia.

Al prossimo Rally Città di Modena, in programma per il 30 e 31 Ottobre, il tridente della scuderia di Felino, giocando quasi in casa, avrà l’opportunità di puntare ad importanti traguardi.

Crocevia determinante, per il proprio destino nella GR Yaris Rally Cup, sarà il risultato che Edoardo De Antoni, in coppia con Martina Musiari, riuscirà a cogliere nel round emiliano.

Un buon risultato qui permetterebbe al pilota di Camposampiero, alla guida della Toyota GR Yaris R1 di Rally Sport Evolution, di rilanciarsi nella serie e di giocarsi il tutto per tutto sul palcoscenico più blasonato della stagione, il WRC ACI Rally Monza, valevole per il mondiale.

Dopo il risultato di Verona abbiamo riflettuto se continuare o meno” – racconta De Antoni – “ed abbiamo deciso di provarci a Modena. A seconda di come andrà qui si saprà se parteciperemo al Monza. Sarebbe un finale bellissimo poter correre nel mondiale. Non abbiamo mai corso qui e non abbiamo idea di che cosa ci aspetterà. A differenza delle altre gare disputate il chilometraggio è inferiore quindi la lotta sarà di altissimo livello, dal primo metro.”

Passando al produzione, arrivando dalla Coppa Rally ACI Sport, saranno due le punte del sodalizio parmense ad avere nel mirino la finale, vittoriosi nelle proprie classi di zona cinque.

Per la corsa all’alloro tra le duemila di gruppo N ci sarà Gabriele Frazzani, in coppia con Diego Altomonte su una Renault Clio RS, reduce da un tanto brillante quanto sfortunato Rubinetto.

Il pilota di Felegara di Medesano, primo di N3 in CRZ di quinta zona, è pronto all’ultima sfida.

Siamo alla gara più importante di tutto l’anno” – racconta Frazzani – “e, essendo una finale, sappiamo che troveremo avversari di prim’ordine. Non avremo a che fare con gli ultimi arrivati. Abbiamo cercato di preparare bene la gara ed andremo a Modena per giocarcela. Dopo il Rubinetto abbiamo sistemato tutto e l’auto ora funziona alla perfezione. Qui tutti vogliono vincere, questo è sicuro. Le prove sono molto belle quindi daremo il massimo per primeggiare.”

Alte le motivazioni anche tra le millesei di gruppo N dove Fabio Oppici, il migliore di N2 in quinta zona di CRZ, cercherà di far valere la propria conoscenza di un percorso già amico nel 2018.

Il pilota di Parma, in coppia con Davide Pisati su una Peugeot 106 Rallye, ha affilato le armi.

Nel 2018 abbiamo corso qui a Modena” – racconta Oppici – “ed è andata molto bene perchè, in quell’occasione, abbiamo vinto la classe. Due, delle speciali in programma, sono completamente nuove per me ma questa tipologia di percorso si adatta decisamente al mio stile di guida. Sono prove molto tecniche e c’è tanto da guidare. La maggior parte è caratterizzata da tratti molto veloci, quasi sempre in falsopiano. Non esistono salite ripide, quelle che potrebbero penalizzare la nostra vettura, quindi puntiamo decisi alla vittoria finale.”

De Antoni a caccia della rimonta nella GR Yaris Rally Cup mentre Frazzani ed Oppici punteranno a conquistare la finale nel produzione, tra le duemila e le millesei. Foto Nicolas Magoni

Felino (PR), 27 Ottobre 2021 – In tre per un grande sogno, questo in sintesi il fine settimana che attende i portacolori di Collecchio Corse in vista dell’imminente finale Rally Cup Italia.

Al prossimo Rally Città di Modena, in programma per il 30 e 31 Ottobre, il tridente della scuderia di Felino, giocando quasi in casa, avrà l’opportunità di puntare ad importanti traguardi.

Crocevia determinante, per il proprio destino nella GR Yaris Rally Cup, sarà il risultato che Edoardo De Antoni, in coppia con Martina Musiari, riuscirà a cogliere nel round emiliano.

Un buon risultato qui permetterebbe al pilota di Camposampiero, alla guida della Toyota GR Yaris R1 di Rally Sport Evolution, di rilanciarsi nella serie e di giocarsi il tutto per tutto sul palcoscenico più blasonato della stagione, il WRC ACI Rally Monza, valevole per il mondiale.

Dopo il risultato di Verona abbiamo riflettuto se continuare o meno” – racconta De Antoni – “ed abbiamo deciso di provarci a Modena. A seconda di come andrà qui si saprà se parteciperemo al Monza. Sarebbe un finale bellissimo poter correre nel mondiale. Non abbiamo mai corso qui e non abbiamo idea di che cosa ci aspetterà. A differenza delle altre gare disputate il chilometraggio è inferiore quindi la lotta sarà di altissimo livello, dal primo metro.”

Passando al produzione, arrivando dalla Coppa Rally ACI Sport, saranno due le punte del sodalizio parmense ad avere nel mirino la finale, vittoriosi nelle proprie classi di zona cinque.

Per la corsa all’alloro tra le duemila di gruppo N ci sarà Gabriele Frazzani, in coppia con Diego Altomonte su una Renault Clio RS, reduce da un tanto brillante quanto sfortunato Rubinetto.

Il pilota di Felegara di Medesano, primo di N3 in CRZ di quinta zona, è pronto all’ultima sfida.

Siamo alla gara più importante di tutto l’anno” – racconta Frazzani – “e, essendo una finale, sappiamo che troveremo avversari di prim’ordine. Non avremo a che fare con gli ultimi arrivati. Abbiamo cercato di preparare bene la gara ed andremo a Modena per giocarcela. Dopo il Rubinetto abbiamo sistemato tutto e l’auto ora funziona alla perfezione. Qui tutti vogliono vincere, questo è sicuro. Le prove sono molto belle quindi daremo il massimo per primeggiare.”

Alte le motivazioni anche tra le millesei di gruppo N dove Fabio Oppici, il migliore di N2 in quinta zona di CRZ, cercherà di far valere la propria conoscenza di un percorso già amico nel 2018.

Il pilota di Parma, in coppia con Davide Pisati su una Peugeot 106 Rallye, ha affilato le armi.

Nel 2018 abbiamo corso qui a Modena” – racconta Oppici – “ed è andata molto bene perchè, in quell’occasione, abbiamo vinto la classe. Due, delle speciali in programma, sono completamente nuove per me ma questa tipologia di percorso si adatta decisamente al mio stile di guida. Sono prove molto tecniche e c’è tanto da guidare. La maggior parte è caratterizzata da tratti molto veloci, quasi sempre in falsopiano. Non esistono salite ripide, quelle che potrebbero penalizzare la nostra vettura, quindi puntiamo decisi alla vittoria finale.”