Rally della Marca, un test di Wrc per Avbeli

Lo sloveno che ha vinto il Piancavallo in R5 ora prova a stupire sui colli trevigiani con una 2rm. Foto Fabio Tonizzo

Conegliano, 4 luglio 2021_Bisognerà pur fare studi approfonditi sulla Slovenia, poco più grande del Veneto, ma con meno della metà quanto a popolazione e una quantità industriale di campioni sportivi. Luka Dončic (basket) a Tadej Pogačar (ciclismo) sono i top dei top, ma c’è una schiera di atleti di eccellenza sia in discipline individuali che di squadra. E sono sloveni anche Tim Gajser (motocross), Rok Turk e Boštjan Avbelj (rally), quest’ultimo con scarsa ribalta mediatica e in cronica penuria di sponsor. Due particolari che minano alla radice la possibilità di presentarsi competitivi ad alto livello e ormai a trent’anni suonati pare difficile che Avbelj riesca a disegnarsi un futuro da professionista in ambito perlomeno europeo. Tuttavia non disdegna le ribalte italiane e quest’anno ha fatto rodaggio all’Adria Rally Show, ha vinto il Piancavallo (primo straniero a riuscirci), è stato protagonista al Taro e ora si appresta a saggiare l’atmosfera del Ciwrc presentandosi al via del 37° Rally della Marca con una Renault Clio Rally 4 preparata da Munaretto per i colori Xmotors Team. Certo non potrà battersi per l’assoluta ed è una buona notizia per i big del tricolore, ai quali avrebbe potuto sottrarre punti, però rimane una mina vagante e un bel termine di confronto soprattutto per la sfida tra le 2 ruote motrici. Altri piloti d’oltreconfine al Marca saranno il croato Alfred Kramer Junior su Renault Clio Rally 5 e il turco Eytan Halfon con una Peugeot 208 R2.