Rossetti il più veloce nello shakedown, aspettando un Rallye San Martino di Castrozza con l’incognita meteo

La giornata preliminare del sesto e penultimo round per il Campionato Italiano WRC vede il friulano su Hyundai i20 R5 segnare il miglior crono nei test preparativi. Sole, nuvole e bagnato scandiscono le ore e rimangono l’incognita principale in attesa della gara concentrata tutta sulle sei prove del sabato

Il Rallye San Martino di Castrozza e Primiero si è svegliato con il sole per la vigilia di gara. La mattinata del venerdì per il penultimo appuntamento del Campionato Italiano WRC ha concesso un meteo sereno ai 152 equipaggi iscritti, che si sono alternati durante lo shakedown, unica attività prevista prima di un sabato di rally intenso. I 2 chilometri di asfalto in località Camoi, tra la vetta di San Martino e la Valle di Primiero, erano comunque bagnati a causa della pioggia intermittente che si è riversata sulla località trentina durante l’intera giornata del giovedì. Cielo che rimane incerto anche per la giornata di gara, quindi l’incognita ambientale sarà una delle chiavi di questa sfida tricolore, appuntamento fondamentale per la lotta al titolo che assegnerà un punteggio a coefficiente 1.25.

Durante i test preparativi i più veloci sono stati Luca Rossetti e Manuel Fenoli sulla Hyundai i20 R5 in 1’41.5. Il friulano sembra quindi intenzionato nuovamente a candidarsi per il vertice assoluto, che attende anche la risposta in prova speciale degli altri big del CIWRC. Tra questi occhi puntati soprattutto sui leader della serie Andrea Carella ed Elia De Guio su Skoda Fabia R5, distanti 6 decimi dai migliori con lo stesso tempo di Alessandro Gino e Daniele Michi su altra R5 ceca. Tra i favoriti ci sono sicuramente gli ultimi vincitori del San Martino di Castrozza Luca Pedersoli ed Anna Tomasi, su Citroen DS3 WRC, a +1.8’’ da Rossetti. Più cauto il campione in carica Corrado Fontana, stavolta navigato da Giovanni Agnese su Hyundai i20 WRC, che ha segnato 1’45.5 nel suo miglior passaggio sullo shakedown.

Diversi anche gli outsider che vorranno inserirsi tra i concorrenti del CIWRC, come il reggiano del CIR Sparco Antonio Rusce, che insieme a Giulia Paganoni su Skoda ha segnato nei test pre-gara lo stesso crono di Pedersoli in 1’43.3.

Ma si tratta di tempi che non fanno classifica. I crono veri arriveranno tutti nella giornata di sabato 18 settembre sulle sei prove speciali in programma nel doppio passaggio sul “Manghen” (22,01 km), la prova più lunga, quindi “Val Malene” (16,81 km), a seguire la più breve “Gobbera” (8,25 km). Il primo passaggio sulla “Gobbera” verrà trasmesso in diretta, come già fatto in occasione dello shakedown, su ACI Sport TV dalle ore 11.57. Collegamento live previsto anche per l’arrivo finale a San Martino di Castrozza dalle 18.00.