Secondo giro di valzer IRC per Bellan, via al Taro

Continua il percorso di crescita del pilota di Taglio di Po, all’esordio assoluto nell’appuntamento parmense e desideroso di confrontarsi con i migliori della serie. Foto Mario Leonelli/Actualfoto

Taglio di Po (RO), 25 Maggio 2021 – Ultimi preparativi in casa AB Motorsport in attesa dell’arrivo imminente, nel weekend, del secondo appuntamento con l’International Rally Cup.

Al Rally del Taro, in programma per Sabato 29 e Domenica 30 Maggio, Alessio Rossano Bellan tornerà a calcare la scena IRC, reduce dall’ottimo esordio di un Piancavallo chiuso, in condizioni meteo terribili, con il secondo di classe e con tanta esperienza messa nello zaino.

Nel parmense il pilota di Taglio di Po, sostenuto da Monselice Corse, si presenterà con una situazione di classifica più che positiva, partendo dal quinto posto nella classifica che raccoglie le classi R3C, R3T, Super 1600, R2C, A7 e R2B turbo, unita al diciannovesimo nell’assoluta.

Soddisfazione che si amplifica grazie anche al buon avvio nella 208 Rally Cup Pro e nel Trofeo Trofeo Rally Anthea Italia, con quest’ultimo che vede comandare proprio il pilota polesano.

Quest’anno abbiamo proprio scelto un campionato molto impegnativo” – racconta Bellan – “ed al Piancavallo mi sono reso conto di quanto sia duro, rispetto al mio andare. È proprio in questi contesti che si cresce perchè qui si trovano tanti tra i più forti a livello nazionale e solo confrontandosi con chi va veramente forte si può capire dove migliorare. Il livello è molto alto e, a parte il Piancavallo che ho fatto in versione nazionale anni fa, tutte le gare sono per me nuove. È molto stimolante affrontare un programma di questo tipo, grazie a tutti i partners che hanno creduto in questo progetto, e siamo molto soddisfatti del punto dal quale partiremo.”

Affiancato da Sara Montavoci, sul sedile di destra, Bellan tornerà al volante della Peugeot 208 Rally 4, messa a disposizione da Baldon Rally, con la quale il matrimonio è già più che roseo.

Non ci vogliamo illudere” – sottolinea Bellan – “perchè il secondo posto del Piancavallo è stato sicuramente un ottimo risultato ma qui dobbiamo resettare, ripartire da zero. La concorrenza sarà spietata e, sicuramente, dal Taro arriveranno tanti altri avversari che a Piancavallo non si sono visti. Dobbiamo continuare a lavorare a testa bassa, con umiltà, e cercare di imparare sempre di più questa vettura. Con Sara al mio fianco e Baldon Rally sono in una botte di ferro.”

Sette le prove speciali che andranno a disputare i concorrenti della ventisettesima edizione del Rally del Taro, con la gara che si deciderà, quasi sicuramente, sulla lunga “Folta” (20,47 km).

I tre passaggi sulla prova di apertura si alterneranno ai due sulla corta “Tornolo” (4,33 km) e sulla “Montevacà” (13,59 km), per un centinaio circa di chilometri cronometrati complessivi.

Non abbiamo mai corso al Taro” – aggiunge Bellan – “ma, da quanto abbiamo potuto vedere, le prove sono molto belle. La Folta è bellissima, parte con lo stretto sporco per poi allargarsi e diventare veloce, ritornando stretta sul finale. La Montevacà si addice di più a me, essendo larga e veloce, mentre la corta non sarà da prendere alla leggera. Punteremo a fare punti.”