Un elenco iscritti di qualità per il 38° Rally del Carnevale

Contenuti di spessore, per l’appuntamento promosso da Automobile Club Lucca e Laserprom 015: undici vetture di classe R5 ed un’agguerrita presenza di esemplari a “due ruote motrici”, ad alimentare le aspettative del primo appuntamento toscano. Nella foto UMDC: Luca Panzani, vincitore dell’edizione 2021 della gara.

Lucca, 9 febbraio 2022. Hanno confermato spessore, i contenuti agonistici svelati dall’elenco iscritti del 38° Rally del Carnevale. L’appuntamento, promosso da Automobile Club Lucca in co-organizzazione con Laserprom 015 ed in programma nelle giornate di sabato 12 e domenica 13 febbraio, coinvolgerà la Versilia elevandola come ambientazione del primo appuntamento rallistico regionale.

Cinquantasei, gli equipaggi che hanno risposto “presente” alla chiamata delle tre prove speciali “Stiava”, “Orbicciano” e “Loppeglia”, ripetute fino al raggiungimento di cinquantatre chilometri cronometrati.

Ad accogliere il plateau di partecipanti sarà Massarosa, sede di partenza ed arrivo della manifestazione, con il coinvolgimento di Viareggio, interessata da un “passaggio a timbro” in Piazza Maria Luisa, nel trasferimento delle vetture protagoniste dalla pedana di avvio alla fotocellula della prima prova speciale. Cuore della manifestazione, dal punto di vista organizzativo, sarà Lido di Camaiore, sede della Direzione Gara.

I motivi sportivi: Luca Panzani a caccia del bis. Undici, gli esemplari di classe R5 – categoria regina – che si contenderanno le alte sfere della classifica assoluta. Gli occhi saranno tutti puntati su Luca Panzani, vincitore dell’edizione 2021. L’obiettivo, per il portacolori di Jolly Racing Team, è ben chiaro: puntare al secondo alloro facendo leva sulle potenzialità della Skoda Fabia Rally 2, vettura con la quale il driver lucchese interromperà un digiuno agonistico di ben sette mesi. A puntare al successo sarà anche Gabriele Ciavarella, su Volkswagen Polo R5, anch’egli presente nella precedente edizione, archiviata in quarta posizione assoluta. Espressione, quella della categoria maggiore, che vedrà tra le vetture protagoniste anche la Skoda Fabia R5 di Alessio Della Maggiora, tornato al volante della vettura in vista della partecipazione all’International Rally Cup e la Hyundai I20 R5 di Antonio Rusce, esponente del palcoscenico rallistico nazionale. Sarà parte integrante dell’appuntamento anche “Pedro”, un altro eccellente interprete del panorama italiano, in gara su Volkswagen Polo R5, con Alessandro Bindi intento a garantirsi le ottime sensazioni destate lo scorso anno al volante della Skoda Fabia R5. Avranno a disposizione la vettura boema anche Vittorio Ceccato, Dawid Tanozzi, Giorgio Sgadò, Davide Giovanetti e Stefano Zambon.

Tra le vetture a due ruote motrici sarà garante di spettacolarità la Renault Clio Maxi affidata – per la prima volta in carriera – al locale Luca Bertolozzi, pilota dal quale sono in molti ad attendersi acuti, al volante della gloriosa kit car. A promettere scintille sarà tutta la categoria dedicata alle “tutto avanti”, con Gianandrea Pisani intento a confermare un ruolo da assoluto protagonista su Peugeot 208 Rally 4 (vettura con la quale ha vinto il Rally di Chiusdino) in un confronto che lo vedrà contrapposto ad una schiera di piloti di spessore, i locali Andrea Simonetti e Claudio Fanucchi (entrambi partenti su Renault Clio R3C), Nicola Paolinelli e Re Barsanofio (Renault Clio S1600) con Luciano D’Arcio – vincitore dell’edizione 2017 della gara – a prenotare un posto di rilievo su Renault Clio Williams, vettura che utilizzerà anche Valerio Pellegrini, uno dei vincitori di classe della passata edizione.

Il programma di gara: Versilia protagonista dell’avvio rallistico toscano. Il Rally del Carnevale darà il benvenuto ai suoi protagonisti dal pomeriggio di venerdì, con l’apertura del parco assistenza ai team, ubicato in via del Brentino a Massarosa. Motori accesi l’indomani, sabato 12, per il primo approccio dei piloti con le vetture da gara, lo shakedown ambientato su parte della prova speciale “Stiava”.

Tre, le prove speciali che verranno ripetute nell’intera giornata di domenica, “Stiava”, “Loppeglia” ed “Orbicciano” ripetute per otto passaggi totali cronometrati. A fare da cornice alla partenza sarà Piazza Provenzali, a Massarosa dove – alle ore 8 – la prima vettura calcherà la pedana per poi dirigersi verso la prima prova speciale Stiava, in programma alle ore 8.55. Alle ore 10.03 saranno i chilometri di Loppeglia ad elevarsi protagonisti, seguiti dai passaggi su “Orbicciano”, alle ore 10.31 ed ancora su “Stiava”, alle 11.23. La seconda fase di gara vedrà “Loppeglia” riaprire le ostilità, alle ore 14.32, con il passaggio successivo su “Orbicciano”, in programma alle ore 15 e “Stiava”, alle 15.52. L’ultima prova speciale prevista renderà protagonisti gli otto chilometri di Orbicciano, alle 17.51, asfalto che vedrà poi le vetture avviarsi verso Piazza Provenzali a Massarosa, con l’arrivo del primo esemplare previsto alle ore 18.42.  Due, le occasioni che vedranno gli equipaggi esprimere la tattica di gara sotto i paddock del parco assistenza: una dopo il primo giro di prove speciali, dalle ore 12.55 e l’altro alla vigilia della partenza dell’ultimo tratto cronometrato, con le vetture che entreranno in “service park” dalle ore 16.34. Operazioni anticipate da due riordinamenti affidati agli ampi spazi messi a disposizione da Conad Massarosa, parte integrante di un appuntamento che vedrà scrupolosamente rispettate le normative vigenti in tema di contrasto alla diffusione del virus Covid-19 e che avrà in Lucca Corse un valido supporto dal punto di vista operativo.