Verna costretto al ritiro dopo una brillante PS1

Verna costretto al ritiro dopo una brillante PS1

Biella, 10 e 11 luglio 2021. Questo week end si è corso a porte chiuse, causa emergenza sanitaria, il trentaquattresimo rally della Lana. Biella e dintorni protagonista in questa edizione in cui è emersa comunque la voglia di correre e tornare alla normalità anche per sei equipaggi bianco blu in rappresentanza della scuderia torinese DueGi sport. Foto Magnano

Alberto Verna navigato da Massimo Barrera su Subaru ha dovuto consegnare la tabella dopo la prima prova speciale a causa di un guasto meccanico. Le sue amare parole: ”sono riuscito a fare la prima prova speciale, dove ho vinto l’N4 bene, era tutto abbastanza a posto, ma purtroppo in trasferimento si è inchiodato il cambio con la quarta marcia, sono riuscito ad arrivare al riordino e successivamente in assistenza, dove speravo potessero sistemare il problema ma così non è stato. I meccanici, infatti, avrebbero dovuto tirare giù il cambio e non c’era tempo a sufficienza e non si sarebbe potuto fare. Le prove non erano belle come quando le correvo negli anni Ottanta, me le aspettavo diverse. La prossima gara sarà il città di Torino. Tra un paio di giorni pubblicheranno i punteggi del campionato e vedremo di prepararci bene per portare a casa un buon risultato ed aggiudicarci l’N4, anche se sono molti gli avversari a cui dovremo tenere testa”.

LOMONACO DEBUTTA CON MINGOZZI

Andrea Lomonaco per la prima volta navigato da Erika Mingozzi è salito sul primo gradino del podio in classe K10; finalmente e fortunatamente non ha avuto problemi alla sua C2; unico neo, giovedì passato, mettendo la macchina sui rulli si sono accorti di averequalche cavallo in meno, poiché non sono riusciti a rimapparla a dovere. L’incognita per il pilota era il debutto come equipaggio. Infatti, il pilota duegino non era affiancato dal suo storico navigatore Gulmini, che per un impedimento non ha potuto essere presente, ma è stato navigato per la prima volta dalla cugina Erika Mingozzi.

“Stranamente questo rally è andato bene, finalmente la sfortuna ci ha abbandonati. La mia preoccupazione era legata alla navigatrice nuova, temevo che la sua poca esperienza, avendo solamente corso quattro rally, potesse essere un impedimento, ma è stata bravissima e sin dall’inizio ci ha creduto più lei di me. Devo dire che è stata sempre sul pezzo e non credevo che in così poco tempo alla lettura delle note potesse essere così brava. Ci siamo divertiti tantissimo. Purtroppo, la gara in sé, nella giornata di domenica, è stata più caratterizzata dai chilometri di trasferimento che di speciale, però va bene ugualmente, faceva parte del programma e lo abbiamo accettato. Siamo soddisfatti di essere arrivati primi di classe K10 ed aver preso dodici punti nel coppa Italia (visto che il coefficiente era uno e mezzo) e ci serviva proprio. Le prove nei test non mi piacevano particolarmente ma in gara cambiano gusto e prendono più fascino. Erano però sporche, strette e tortuose ma tutto sommato piacevoli da fare. Sabato sera non ci hanno fatto partire per due speciali, non si sa se per la pioggia o per il pubblico o chissà…Memore di questa vittoria e dopo aver stoppato il cronometro della prima ps ventitreesimo assoluto e aver chiuso il rally ventottesimo assoluto, nonostante si sarebbe potuto fare meglio, ma ero frenato io per la nuova condizione in cui mi trovavo, farò il rally città di Torino, gara di casa e tornerà a leggermi le note Fabio Gulmini”.

DIACO – SPARVIERI QUARTI DI CLASSE

Francesco Diaco navigato da Simone Sparvieri ha corso per la prima volta su Peugeot 208 rally con cambio sequenziale ed è stato soddisfatto del quarto posto di classe R2C e cinquantacinquesimo assoluto.

Il commento del navigatore: “la gara è andata bene, siamo contenti di questo quarto posto di classe. Per noi l’importante era divertirsi, poiché era la prima volta che Francesco guidava questa macchina. Insieme avevamo corso per due anni il Rallylegend e quest’anno replichiamo ma si punta a fare anche il rally città di Torino. Le prove erano belle e insidiose, peccato per le due prove in notturna di sabato che sono state fatte in trasferimento. La macchina era al top e grazie alla cura dei meccanici, abbiamo dovuto fare solo un paio di regolazioni dell’assetto.

BLANC SUL TERZO GRADINO DEL PODIO R3C

Jimmi Blanc e la sua copilota Nicole Cerise hanno corso questo rally della Lana su Clio classificandosi terzi di classe R3C e trentaquattresimi assoluti. Le parole del pilota” rally andato benissimo, ottima l’assistenza e le prove speciali belle. Peccato non aver potuto svolgere Oropa e Tracciolino di notte… Ci siamo divertiti e fortunatamente non abbiamo avuto problemi. La Clio R3 non ha deluso! Peccato per le porte chiuse…forse una restrizione un po’ troppo enfatizzata… ora ci prepariamo per il città di Torino!”

CHIRONI DECIMO DI CLASSE SENZA RISCHI

Anche Patrich Chironi con alle note Joly Yannick hanno portato i colori bianco blu della scuderia torinese DueGi sport.

Un rally in cui il pilota ha deciso di non prendersi troppi rischi e portare a casa la sua Renault Twingo senza danni. Un passo che gli ha comunque permesso di classificarsi decimi in classe R2 e settantanovesimi assoluti.  Il commento del pilota: “beh, che dire, ho portato a termine anche questo rally della Lana, senza neanche prenderci un rischio, ciò vuol dire che di margine ne abbiamo ancora tanto. Ci siamo divertiti tantissimo, bellissime prove, peccato che l’hanno sospeso perché avevamo azzeccato le gomme. Dedico questo arrivo a mia nipotina Emily appena nata e a mia figlia soprannominata “Gigetto”. Un grazie va al mio naviga e fratellone, preciso e senza una sbavatura come al solito. Un grazie lo devo anche a Gimmy per i suoi consigli! Grazie anche al team di preparatori. Ci rivedremo al città di Torino ancora più carichi!”

MILANO – COTTELERO SEDICESIMI IN R5

Nella combattuta classe R5 Cristian Milano e il suo navigatore Nicolò Cottellero su Skoda Fabia si sono posizionati sedicesimi ed hanno staccato trentesimo assoluto.