Vincenzo Torchio: assalto all’Alba

Seconda gara stagionale per il pilota astigiano che userà per la seconda volta, dopo il felice esordio del Grappolo, la Peugeot 208 VTI by Bianchi, per i colori della scuderia Alma Racing. Al suo fianco, come nelle ultime due stagioni, ci sarà Mauro Carlevero per dare l’assalto a una categoria che si preannuncia fra le più affollate e competitive del “mundialito” delle Langhe. Foto Archivio Magnano

CELLE ENOMONDO (AT), 7 giugno – Non che al Grappolo avesse scherzato, ma all’Alba vuole fare sul serio. Come è sua abitudine. Vincenzo Torchio è tornato soddisfatto dal Rally del Grappolo di tre settimane fa, ma per il “mundialito” delle Langhe sposta ancora più in alto l’asticella.

Sono una persona estremamente competitiva, cui piace vincere. Vincere contro avversari forti e combattivi. A volte, però, si è anche soddisfatti pur non primeggiando e San Damiano è stata una di queste occasioni. Siamo andati forte dall’inizio alla fine e siamo arrivati secondi dietro un avversario blasonato, profondo conoscitore del mezzo, con distacchi molto contenuti, alla nostra prima esperienza con la vettura” afferma il portacolori della scuderia Alma Racing.

In effetti nella prima gara stagionale, all’esordio sulla Peugeot 208 VTI By Bianchi, molto diversa dalla Citroën Saxo cavallo di battaglia dell’astigiano nelle passate stagioni, Torchio-Carlevero hanno chiuso 21esimi assoluti, secondi di Classe R2B, di cui sono stati la seconda forza per tutte le prove speciali, lasciandosi dietro altri quattordici avversari di categoria.

E ora Alba? “Il Rally di Alba mi piace, perché è una gara organizzata a livello di una prova del mondiale, con tanta passione di organizzatori e pubblico, se potrà esserci. Ma mi piace, soprattutto, perché è un rally veloce, impegnativo, con prove speciali difficili da interpretare ed estremamente selettive, con un bel dosso che affronteremo nella speciale di Somano, quest’anno fatta in senso inverso. Una gara dove si fa la differenza” sottolinea immediatamente il pilota di Celle Enomondo, che come sua abitudine non fa proclami prima della gara.

Partiamo per ottenere il miglior risultato possibile. Se lo otterremo ci saremo anche divertiti, altrimenti non sarà stata una giornata soddisfacente” afferma con ferrea logica Torchio che prosegue: “Saremo ovviamente a caccia di punti per la Coppa Italia Prima Zona, il Trofeo Pirelli, il Trofeo Peugeot e l’R Italian Trophy, ovvero tutti i trofei ai quali possiamo partecipare con la nostra Peugeot 208”.

Vincenzo Torchio sarà della partita nella gara albese affiancato da Mauro Carlevero, che gli siede sul sedile di destra per la quattordicesima occasione e sarà la quinta volta che affronterà le speciali delle Langhe. Nelle precedenti quattro occasioni ha ottenuto un secondo di Classe A5 nel 2016, e tre vittorie di categoria con la Citroën Saxo A6, le ultime due delle quali con il sandamianese Carlevero.

La 15esima edizione del Rally di Alba entrerà nel vivo con le verifiche tecniche sabato 12 giugno dalle 7.30 alle 13.00, prologo allo Shake Down in programma nella stessa giornata dalle 8.00 alle 18.00 in Frazione San Bartolomeo di Cherasco.  Sempre a Cherasco, sabato sera alle 19.31, si svolgerà la cerimonia di partenza, con gli equipaggi che si traferiranno ad Alba per la sosta notturna. Domenica, 13 giugno, partenza dal parco assistenza alle 7.01 per affrontare il triplice passaggio sulle prove di Somano-Bonvicino (14,50 km) Igliano-Paroldo (14,30 km) e Niella-Bossolasco (6,20 km), inframmezzate da due riordini e parchi assistenza ad Alba. L’arrivo è previsto per le ore 18.35 di domenica sera. La gara misura in totale 410,42 km di cui 105,00 suddivisi in nove prove speciali.