Buon compleanno don Alejandro

0
Download PDF

MODENA (10 Luglio) – Sono passati 92 anni da quando Alejandro De Tomaso nacque il 10 luglio 1928 a Buenos Aires, figlio di un emigrato napoletano che aveva fatto fortuna in Argentina fino a diventare Ministro dell’Agricoltura della repubblica sudamericana.

Proprietario terriero di una fattoria di 120mila ettari, il giovane Alejandro crebbe impegnandosi in politica e nelle corse automobilistiche prima con una Bugatti 35, poi al volante di una Maserati. La turbolenta vita politica argentina dell’immediato secondo dopo-guerra e il crescente potere politico peronista, misero in crisi la famiglia De Tomaso, con Alejandro che, acerrimo nemico del palazzo, prima fondò un giornale contrario al regime per poi partecipare a un golpe fallito alla vita di Juan Peron.

Dopo l’attentato Alejandro De Tomaso abbandonò rocambolescamente l’Argentina, paese in cui rimase la prima moglie con i suoi tre figli. De Tomaso riparò in Italia a partire dal 1954, e dal 1955 al 1956 venne ingaggiato come pilota dalla Osca dei fratelli Maserati, disputando anche due gran premi di Formula 1 impiantando nel frattempo una piccola officina di riparazione dei motori. In quel periodo conobbe Elizabeth Haskell, una giovane pilota americana, che era la sorella del presidente della Rowan Controller, importante azienda del settore automotive che aveva fra i suoi clienti Ford e General Motors. Elizabeth, oltre a essere comproprietaria dell’azienda possedeva un rilevante pacchetto azionario della General Motors. Alejandro De Tomaso sposò Elizabeth in seconde nozze e grazie al suo appoggio economico nel 1959 fondò la Automobili De Tomaso, che ha come marchio la stessa T con la quale la famiglia De Tomaso marchiava il bestiame in Argentina.

Questa fu la base di partenza per creare un impero dentro al quale confluirono la Maserati, le carrozzerie Ghia e Vignale, le case motociclistiche Benelli e Moto Guzzi infine anche la Innocenti. La De Tomaso a inizio anni Sessanta si schierò per quattro stagioni in Formula 1, senza risultati di rilievo. Nel 1993 Alejandro De Tomaso venne colpito da una grave malattia che lo obbligò a ritirarsi dall’attività imprenditoriale e lo portò alla morte il 21 maggio 2003. Oggi è sepolto nel cimitero di San Cataldo a Modena, dove riposano anche Dino ed Enzo Ferrari.

Fra le sue creazioni più note la De Tomaso Pantera, la Maserati Biturbo, Innocenti Mini De Tomaso e la Benelli Sei.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.