Michelin R2 Rally Cup 2016 al 63° Rallye Sanremo: tempo di conferme, tempo di riscatti

0
Download PDF

Due siciliani contro un piemontese, con l’inserimento di un veneto. Questo il leitmotiv della sfida nella città dei fiori con il cuneese Giorgio Bernardi che vorrà ribadire il doppio successo del Ciocco, difendendosi dagli assalti del messinese Alessandro Casella e del palermitano Tobia Gheno, mentre il croato Viliam Prodan darà un tocco di internazionalità alla sfida del Ponente Ligure. Gli iscritti del Coppa Michelin dovranno poi replicare il successo del Ciocco, dove sono stati gli assoluti dominatori del CIR-Junior. Nel frattempo cresce il numero degli iscritti alla Michelin R2 Rally Cup che raggiunge quota dieci partecipanti.

Alessandro Casella, Gaetano Caputo (Peugeot 208 R2B #36, Cst Sport)

Alessandro Casella, Gaetano Caputo (Peugeot 208 R2B #36, Cst Sport)

SANREMO (IM) – Tutti riconfermati, tutti determinati al massimo gli otto protagonisti della gara toscana, che hanno trovato nell’elenco iscritti della gara del Ponente Ligure altri due avversari: il parmense Marcello Razzini ed il bresciano Mauro Grezzini, che fanno salire a dieci gli iscritti al challenge indetto dalla Casa francese su 17 iscritti al 63° Rallye Sanremo in Classe R2. Se al Rally del Ciocco il dominio di Giorgio Bernardi era stato netto e abbastanza incontrastato, con tanto di successo nella Michelin R2 Rally Cup, nel CIR-Junior e nella gara di sabato e di domenica, al Sanremo le cose potrebbero cambiare per il velocissimo cuneese, che potrà contare su una minore esperienza sulle prove speciali del Sanremo, e soprattutto sulla voglia di riscatto dei due ventunenni siciliani Alessandro Casella e Marco Pollara. Entrambi sono alla prima esperienza sulle prove speciali del Sanremo, essendo alla loro prima stagione al di fuori delle strade amiche siciliane, ma, come hanno dimostrato in Garfagnana, grinta e talento non mancano ad entrambi e l’esperienza del Ciocco li ha fatti crescere e maturare insegnando loro ad affrontare prove speciali lunghe ed insidiose, come quelle che troveranno a Sanremo.

Marco Pollara, Giuseppe Princiotto (Peugeot 208 R2B #32, Cst Sport)

Marco Pollara, Giuseppe Princiotto (Peugeot 208 R2B #32, Cst Sport)

Chi deve confermare quanto di buono fatto vedere al Ciocco è Nicola Manfredi, autore di una gara senza incertezze nella sua Garfagnana. Ora il pilota concittadino di Paolo Andreucci deve dimostrare di non avere timori reverenziali anche lontano dalle strade delle montagne della Lucchesia. Il Sanremo rappresenterà la sua ottava gara in carriera, ma può essere l’occasione di entrare nell’Olimpo dei mostri sacri della Classe R2B. Chi non ha brillato al Ciocco è stato Tobia Gheno, infastidito per tutta la prima giornata ed anche parte della seconda da problemi elettronici all’acceleratore. Il vicentino è sicuramente il più esperto fra i giovani leoncini delle Peugeot 208 VTI, ed anche se al Sanremo non ha mai avuto grande fortuna (ritirato lo scorso anno, terzo di Trofeo Clio nel 2014), ha sempre dimostrato di essere a suo agio sulle speciali del Ponente Ligure. Da seguire la prova del figlio d’arte “VJ”, al secolo Mattia Vita, che al Ciocco ha alternato prestazioni convincenti a piccole incertezze, ed ha avuto costantemente la meglio sul piacentino Andrea Mazzocchi. In Garfagnana fanalino di coda della Michelin R2 Rally Cup è stato il croato Viliam Prodan, ma bisogna sottolineare che la sua Peugeot 208 VTI non era nel miglior stato di salute e nella giornata di domenica il pilota trentenne di Buzet (Croazia) ha purtroppo terminato la gara anzi tempo.

Giorgio Bernardi, Enrico Ghietti (Peugeot 208 R2B #31, Meteco Corse)

Giorgio Bernardi, Enrico Ghietti (Peugeot 208 R2B #31, Meteco Corse)

Se è certo che la lotta ci sarà e sarà intensa all’interno della Michelin R2 Rally Cup, gli iscritti al challenge dell’Omino Michelin al Sanremo devono anche ribadire quanto di buono fatto all’interno del CIR-Junior. A Castelnuovo Garfagnana Giorgio Bernardi, Alessandro Casella e Marco Pollara sono stati i più veloci in 13 delle 17 prove speciali in programma, conquistando l’intero podio in Gara-1 ed il successo con Bernardi in Gara-2. Dopo la gara toscana gli avversari hanno affilato le armi, ma sicuramente Giorgio Bernardi, Alessandro Casella, Marco Pollara e Tobia Gheno non sono disponibili a cedere facilmente la strada ai concorrenti di altre marche di pneumatici.

Alessandro Casella, Gaetano Caputo (Peugeot 208 R2B #36, Cst Sport)

Alessandro Casella, Gaetano Caputo (Peugeot 208 R2B #36, Cst Sport)

L’analisi della gara – Il 63° Rallye Sanremo si disputa venerdì 8 e sabato 9 aprile, suddiviso in due gare con classifiche separate come da regolamento ACI Sport per la stagione 2016. Pressoché uguali le lunghezze delle prove speciali delle due tappe (79.34 km venerdì, 79,56 sabato), la prima giornata è caratterizzata da due prove in notturna che vanno ad ereditare il fascino della lunga, e rimpianta, “Ronde” che ha caratterizzato le ultime edizioni del Rallye Sanremo. Con inizio alle ore 22.11 si disputerà infatti la prova di “San Romolo” di 14,24 km, seguita mezz’ora dopo dal tratto cronometrato di “Bajardo”, di 22.14 km, due speciali che metteranno a dura prova vetture, pneumatici ed equipaggi. Pur avendo il regolamento limitato fortemente il chilometraggio delle tappe, gli organizzatori del Sanremo sono riusciti ad “inventarsi” per il sabato due passaggi sulla storica speciale del “Bosco di Rezzo”, con ben 25.92 chilometri da affrontare contro il cronometro. Le previsioni meteorologiche dicono che sabato sarà una giornata con possibili piogge nel primo pomeriggio (il rally prende il via da Sanremo alle ore 12.32) ed i concorrenti dovranno affrontare le prove speciali caratterizzate da un fondo probabilmente umido, reso ancor più viscido dall’impalpabile strato salino che si deposita sui monti che si affacciano sul mare. Tutto ciò renderà ancora più difficili le condizioni sulla doppia prova di venerdì sera, che potrebbero emettere sentenze inappellabili ai fini della classifica. Sabato le condizioni meteorologiche dovrebbero migliorare, ma la prova fra luci e ombre del “Bosco di Rezzo” sarà sicuramente impegnativa per uomini e mezzi.

  • Iscritti alla Michelin R2 Rally Cup al via del Rally di Sanremo
  • 28 Viliam Prodan-Zoran Rastegorac, Peugeot 208 VTI
  • 30 Giorgio Bernardi-Enrico Ghietti, Peugeot 208 VTI
  • 31 Alessandro Casella-Gaetano Caputo, Peugeot 208 VTI
  • 32 Marco Pollara-Giuseppe Princiotto, Peugeot 208 VTI
  • 33 Nicola Manfredi-David Castiglioni, Peugeot 208 VTI
  • 35 “VJ”-Chiara Corso, Peugeot 208 VTI
  • 36 Tobia Gheno-Fabio Grimaldi , Peugeot 208 VTI
  • 37 Andrea Mazzocchi-Matteo Nobili, Peugeot 208 VTI
  • 43 Mauro Grezzini-Nicolò Barla, Peugeot 208 VTI
  • 44 Marcello Razzini-Luca Culasso, Peugeot 208 VTI
  • Classifica Michelin R2 Rally Cup dopo Rally Il Ciocco: 1. Giorgio Bernardi, punti 32; 2. Alessandro Casella, 24; 3. Nicola Manfredi, 20; 4. Marco Pollara, 19; 5 Tobia Gheno, 15; 6. Mattia Vita (VJ), 14; 7 Andrea Mazzocchi, 10; 8. Vinicio Prodan, 5.
  • CIR Junior: 1. Bernardi 15 punti; 2. Alessandro Casella 10; 3. Marco Pollara e Nicola Manfredi 8 (tutti iscritti alla Michelin R2 Rally Cup).
Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.