De Antoni debutta, a podio, su BMW al Monte Caio

0
Download PDF

L’appuntamento con la ronde di Tizzano Val Parma vede il pilota di Camposampiero salire sul terzo gradino del podio, all’esordio sulla trazione posteriore tedesca.

Camposampiero (PD), 11 Novembre 2019 – Dall’anteriore al posteriore, dalla Suzuki Swift alla BMW 318 IS per salire sul terzo gradino del podio alla recente Ronde del Monte Caio.

In un’apparizione decisa in extremis, a poche ore dalla chiusura delle iscrizioni, il pilota di Camposampiero ha saputo resettare completamente quanto imparato nell’anno in corso, vissuto nell’ambito della Suzuki Rallye Cup nel Campionato Italiano WRC, per calarsi nell’abitacolo della trazione posteriore tedesca, in versione Racing Start, ed andare a cogliere una bella terza piazza, vissuta su una solida rimonta, penetrando un autentico muro di nebbia.

Affiancato da Martina Musiari alle note, rivelatasi determinante in condizioni di pressochè nulla visibilità, il portacolori della scuderia Collecchio Corse ha ritrovato il sorriso nel parmense.

Il risultato, ottenuto in classe RS20-P, si traduce in punto di partenza per un 2020 di rilancio.

 

Ci voleva un po’ di positività dopo tanta sfortuna” – racconta De Antoni – “e siamo molto contenti del risultato che abbiamo portato a casa alla Ronde del Monte Caio. Siamo stati in forse sino all’ultimo minuto ma, per fortuna e con immensa gioia, siamo riusciti a parteciparvi. Dopo aver corso tutto l’anno con una trazione anteriore ci siamo confrontati con l’incognita di passare ad un posteriore, in condizioni meteo non certo semplici per questa tipologia di vettura. Sicuramente il nostro futuro resta saldamente ancorato alla Suzuki Rallye Cup ma è stato davvero bello provare un contesto di questo tipo. Grazie a Collecchio Corse per l’opportunità.”

Pronti, via e sul primo passaggio su “Monte Caio” De Antoni si trovava presto a fare i conti con una giornata caratterizzata da temperature molto basse, vicine allo zero, che rendevano il fondo particolarmente insidioso per la scarsa aderenza

Il cronometro lo segnalava nelle retrovie, quinto tempo in prova tra i partecipanti alla BMW Rally Cup, ma già sulla prima ripetizione il camposampierese prendeva le misure alla 318, staccando il terzo tempo di classe e risalendo al quarto nella provvisoria di trofeo.

Ci si avviava verso il successivo passaggio e, sugli ultimi tre chilometri circa, compariva la nebbia, a cercare di rimescolare nuovamente le carte in gioco.

Nonostante questo De Antoni si migliorava ulteriormente, archiviando la propria prestazione con il secondo tempo, a 6”4 dallo scratch segnato da Foppiani, ed agganciando il podio.

Al via dell’ultimo crono in programma la situazione si faceva ancor più complicata, la nebbia andava a ricoprire la totalità del tracciato, rendendo quasi nulla la visibilità.

In queste condizioni, ad emergere, è stata Martina Musiari, impeccabile nel condurre De Antoni verso la realizzazione del miglior tempo di trofeo e sedicesimo nella classifica assoluta.

Un’esperienza che ci ha insegnato davvero molto” – sottolinea Musiari – “perchè si è trattata di una gara basata sulla piena fiducia dei ruoli in abitacolo. È stato piacevolmente interessante vedere che in mezzo alla nebbia le nostre note fossero perfette. Lo dimostra il fatto che abbiamo vinto quando non ci si vedeva nulla. La conferma di un grande lavoro in ricognizione.”

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy