Enrico Brazzoli: sotto l’albero di Natale una 124 Abarth per il Montecarlo

0
Download PDF

Foto archivio Elio Magnano

SALUZZO (CN) – Curiosando fra i “pacchetti regalo” posati sotto l’albero di Natale Enrico Brazzoli ne ha scorto uno dalle forme diverse da tutti gli altri: si trattava della 124 Abarth R-GT, curata da Michele Bernini, con la quale il driver saluzzese, neo-campione del mondo WRC-3 affronterà il Rally di Montecarlo 2019.

Una gara cui sono particolarmente affezionato e che ho disputato una decina di volte, come navigatore prima, come pilota poi e addirittura come ricognitore” conferma Brazzoli. “Una gara per non perdere il ritmo mentre si definiscono gli ultimi dettagli del programma 2019 e nella quale io e il mio navigatore, Luca Beltrame, partiremo con la solita determinazione e attenzione. Il Montecarlo non è mai una gara semplice, ma una sfida che presenta mille tranelli ad ogni curva. Ma siamo estremamente fiduciosi, anche perché possiamo contare su una squadra come quella di Michele Bernini, che a Montecarlo ha fatto bene nelle scorse stagioni con le 124 Abarth e che segue lo spider dello ‘scorpione’ da diversi anni ottenendo ottimi risultati”.

Brazzoli e Beltrame, vincitori della Classe WRC3 nella gara dello scorso anno, vestiranno come di consueto i colori di Winners Rally Team. L’87° edizione del Rallye Monte-Carlo è stata resa più compatta, ma ugualmente accattivante, rispetto all’edizione passata, che ricalca al 60%. Si comincia con due giorni di ricognizioni dalle 8.00 del mattino di martedì 22 gennaio alle 21 di mercoledì 23 gennaio. Il giorno successivo, su un tratto di 3,5 km nei pressi di Gap i concorrenti effettueranno lo Shake Down, cui seguirà la partenza ufficiale alle ore 19,17 da Piazza Desmichels a Gap per affrontare le prime due prove speciali alla luce dei fari (41,35 km) che disegneranno la prima classifica. Venerdì altre sei prove speciali (125,12 km), cui seguiranno le quattro di sabato (93,98) e le quattro di domenica (63,98 km) per un totale di 16 tratti cronometrati che corrispondono a 324,43 km di prove speciali e chiudere la gara a Montecarlo, proprio nel giorno di Sainte Dévote, patrona del Principato di Monaco.

Download PDF
Condividi

I Commenti sono Chiusi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici e cookie di parti terze. Privacy