“R Italian Trophy” al 24° Rallye dei Nebrodi nel segno di Franco Molica e Rosario Cannino

Foto Archivio Magnano

La 24esima edizione del Rallye dei Nebrodi, terza gara a calendario della Serie R ITALIAN TROPHY “ZONE” in zona 9, è andata in archivio.

Il 2° raggruppamento porta la firma di Franco Carmelo Molica con Carmen Grandi alle note su Peugeot 208 Rally4 (BR Sport), 2° posto per il portacolori della scuderia “di casa” Ernesto Riolo insieme a Maurizio Marin su Peugeot 208 Rally4 (MFT Motors) e terza posizione per Francesco De Gregorio in coppia con Giuseppe Scaffidi su Peugeot 208 Rally4 (MASINO Motorsport). Ritiro per l’altro equipaggio in sfida, quello formato da Alessandro Scalia e Giorgio Mallia su Peugeot 208 Rally4 (La Barbera).

Il 3° raggruppamento, ancora una volta, è nel segno di Rosario Cannino e Giuseppe Buscemi sulla loro Peugeot 208 Rally4/R2 nr. 34 (CANNINO) che vince tutto quello che era possibile vincere. Ma una menzione particolare va al giovanissimo Emanuele Gianmaria La Torre navigato da papà Giuseppe Gianmaria su Renault Clio Rally5 (BR Sport), ottima la sua gara sugellata dalla vittoria nella classe di appartenenza della quale faceva parte anche la terza classificata Federica Campochiaro in coppia con Rosario Siragusano su Renault Clio Rally5 (TRODELLA Racing).

Appuntamento fissato per il 13 e 14 di luglio con l’edizione numero 22 del Rally di Caltanissetta, quarta gara a calendario della Serie in zona 9. 

Serie “R Italian Trophy” al 16° Rally di Reggello – Città di Firenze. Lorenzo Sardelli e Nicolo’ Ardizzone conquistano i rispettivi raggruppamenti

Foto Archivio Magnano

Spenti i riflettori sulla 16esima edizione del Rally di Reggello – Città di Firenze è tempo di verdetti, per quella che è stata la quarta gara a calendario della Serie R ITALIAN TROPHY “ZONE” di Zona 7.

Lorenzo Sardelli con Luigi Giovacchini alla lettura delle note su Peugeot 208 Rally4 (Laserprom015) svetta nel 2° raggruppamento e in virtù del punteggio acquisito passa a condurre la classifica di zona 7. Il podio si compone da Maurizio Billocci con a fianco Alessio Migliorati su Peugeot 208 Rally4 (P.R.T. Rally Team) giunti in seconda posizione al traguardo di Cascia e terza piazza per Massimiliano Milli insieme Marco Piazzini su Renault Clio R3 (GIMA Autosport) che comunque vincono la classe R3. Il giovanissimo driver piemontese, classe 2002, Nicolo’ Ardizzone in coppia con Alyssa Anziliero su Renault Clio Rally5 (Lion Team) “incassa” il 3° raggruppamento e la classe di appartenenza anche se, ad onor del vero, la battaglia con i fratelli fiorentini Ancillotti, Lorenzo alla guida e Cosimo alle note su Renault Clio Rally5 (Baldon Rally) è stata dura, la riprova è che alla fine il divario fra i due è stato di poco più di 5”. Completa il podio il duo formato da Riccardo Tommi e Lorenzo Baldi su Peugeot 208 Rally4/R2 (GRT Rally Team). Quarta posizione per Marco Mori e Jari Cavaciocchi su Renault Clio Rally5 by Rebutti Service, quinta piazza per la dolce Chiara Galli navigata da Andrea Marco Cecchi su Renault Clio Rally5 (P.R.T. Rally Team) e sesto posto per Francesco Laudicina con Romeo Auteri su Peugeot 208 Rally4/R2 (GRT Rally Team).

Gli iscritti della zona 7 avranno ora un lungo stand-by prima della prossima gara a calendario, il 59° Coppa Città di Lucca, in programma per il 3 e 4 agosto prossimi.

Serie “R Italian Trophy” al 60° Rally Valli Ossolane “Lello Power” fa suo il 2° Raggruppamento

Mentre Alessandro Corsini svetta nel 3° Raggruppamento. Foto Archivio Magnano

L’edizione numero 60 del Rally Valli Ossolane, gara numero 3 della Serie R ITALIAN TROPHY “ZONE” di Zona 1, ha visto un ottimo “Lello Power” affiancato come sempre da Simone Bellanzon su 208 Rally4 (Kimera Racing), avere la meglio sulla coppia in abitacolo e di vita composta da Massimo Lombardi e Fabrizia Bianchetti su Peugeot 208 Rally4 (Twister Corse) che, in virtù dei punti conquistati in questa gara consolida la leadership provvisoria in zona 1.

Il 3° raggruppamento porta la firma del giovanissimo pilota domese Alessandro Corsini, classe 2003 con Ismaele Barra alle note su Renault Clio Rally5 (VSport) che ha avuto la meglio sul forte pilota elvetico Kim Daldini affiancato da Pietro D’Agostino su Renault Clio Rally5 (Gima Autosport) per soli 6” e con la soddisfazione di aver vinto anche la classe di appartenenza che vedeva al via ben 20 equipaggi. Medaglia di bronzo per Massimiliano Ponzetti con Ivano Passeri alle note su Renault Clio Rally5 (V-Mat Racing). Chiude la gara in quarta posizione l’altro giovanissimo driver in gara, l’albese Pietro Castagnotto navigato da Alessandro Mazzocchi su Renault Clio Rally5 (FR New Motors).

Pochi giorni d’attesa e poi gli iscritti in zona 1 allacceranno nuovamente cinture e casco per il quarto appuntamento in programma, l’ottava edizione del Rally di Castiglione Torinese previsto per il 29 e 30 giugno prossimi.

A Biella sono in 15 nel Trofeo A112 Abarth Yokohama

Al Rally Lana Storico in programma sabato prossimo, la Serie organizzata dal Team Bassano affronta il giro di boa prima della pausa estiva presentando un buon elenco iscritti. Foto archivio ACI Sport

Romano d’Ezzelino (VI), 20 giugno 2024 – Sarà l’imminente Rally Lana Storico in programma a Biella venerdì e sabato prossimi, a rimettere in gioco i contendenti del Trofeo A112 Abarth Yokohama che per l’undicesima volta fa tappa a Biella portando in dote quindici equipaggi.

Quarta delle sei in programma, la gara biellese apre il secondo girone nel quale vi sono anche il Rallye Elba Storico con la duplice validità di “gara 1” e “gara 2”, oltre al decisivo Brunello su terra che emetterà i verdetti a fine novembre.

Forti di un primato inattaccabile visto il notevole vantaggio accumulato, Marcogino Dall’Avo e Manuel Piras si presentano a Biella con la possibilità di dare una decisa spallata alla classifica a loro favore; dovranno vedersela con Giuseppe Cazziolato e Stefano Piazza, attualmente terzi ed unici a poterli insidiare vista l’assenza di quattro dei primi sei della generale. Dopo il buon esito del Valsugana tornano in gara Riccardo Pellizzari e Martina Schiavo come anche Marcello Morino assieme a Massimo Barrera.  Sulle strade di casa proverà a mettersi in evidenza anche Fabio Basso, con la versione “Gruppo A” condivisa con Mauro Cairati e farà il ritorno in gara anche Giacomo Domenighini navigato da Hermann Clavel. Dopo il buon esordio a Borgo Valsugana si rivedranno anche Lorenzo Bergamaschi e Flavio Sella, come anche Enrico Zuccarini in coppia con Daniele Grechi e, al rally casalingo timbrano il cartellino Maurizio Ribaldone con Massimo Torricelli e gli esordienti Luca Cortellazzi e Federico Busato che saranno in lizza anche per la classifica “under 28”.

Il Lana Storico sarà gara di esordio stagionale nel Trofeo per i liguri Rosario Pennisi ed Angelo Bregliasco come anche per Damiano Almici affiancato da Stefano Pedrini; sarà invece presenza numero tre per Paolo Imperato, stavolta navigato da Lorenzo Fontana, e la seconda per Fabio Vezzola ed Enrico Volpi, il primo in coppia con Nicolò Abbatucci, il secondo con Vittoriano Mei.

Nel pomeriggio di venerdì 21 giugno si svolgeranno le operazioni di verifica e l’indomani, con inizio alle 8.30, la gara prenderà il via dal Centro Commerciale “Gli Orsi” per farvi ritorno a partire dalle 17.26 dopo aver affrontato i 99,64 chilometri cronometrati delle sei prove speciali.

Il calendario del Trofeo: 1/2 marzo, Rally Vallate Aretine; 19/20 aprile, Rally Costa Smeralda Storico; 31 mag/1giu, Rally Valsugana Historic Rally; 21/22 giugno, Rally Lana Storico; 26/28 settembre, Rallye Elba Storico; 29/30 novembre, Rally del Brunello.

Il 13° Rally Lana Storico tocca quota 156 iscritti

Ai centosei in gara per CIRAS e Trofeo A112 Abarth si sommano la cinquantina, cifra mai vista prima, nel rally di regolarità anch’esso valevole per il Tricolore Tutto pronto per due giorni di sport e spettacolo con inizio nel pomeriggio di venerdì, giornata dedicata alle verifiche. Foto archivio ACI Sport

Biella, 20 giugno 2024 – Anche per la tredicesima edizione il Rally Lana Storico propone un elenco iscritti a tre cifre per quanto riguarda il rally valevole per il Campionato Italiano confermandosi tra i più frequentati del settore ma a sorprendere è la cifra raggiunta dal rally di regolarità che conta ben cinquanta equipaggi, numero mai raggiunto da gare simili sul territorio nazionale.

Quinto degli otto valevoli per il Tricolore Rally Auto Storiche, quello organizzato da Veglio 4×4 e BMT Eventi in collaborazione con l’Automobile Club Biella, anche quest’anno propone un elenco iscritti di assoluto spessore pur con qualche defezione di rilievo.

Ad aprire l’avvincente sfida il cui teatro saranno le sei prove speciali in programma nella giornata del sabato, saranno i siciliani Natale Mannino e Giacomo Giannone su Porsche 911 SC griffata dallo scudetto 2023 conquistato nel 3° Raggruppamento; come sempre, numerose sono le coupé di Stoccarda nelle varie versioni: con le RS del 2° saranno al via i locali Marco Bertinotti e Andrea Rondi a cui si opporranno Alberto Salvini con Davide Tagliaferri e sicuramente anche Lucio Da Zanche, che a Biella ha vinto due volte, navigato per l’occasione da Giuseppe Li Vecchi e non da sottovalutare sono Oreste Pasetto con Carlotta Romano. Grande attesa c’è anche per rivedere all’opera Gianfranco Cunico, stavolta al volante di una 911 in versione Gruppo B riformando l’equipaggio assieme a Luigi Pirollo. Tornando al 3° Raggruppamento, a duellare con la Porsche di Mannino vi saranno anche quelle dei locali Roberto Rimoldi e “MGM” navigati da Roberto Consiglio e Carola Grosso oltre all’esemplare di Beniamino Lo Presti e Agostino Benenti, ma tutti dovranno fare i conti col già sette volte vincitore della categoria Ivan Fioravanti al volante della Ford Escort RS dove lo navigherà Annalisa Vercella Marchese. Occhi puntati anche sul veloce locale Corrado Pinzano, reduce dal San Martino moderno dello scorso fine settimana, che per provare a vincere la gara di casa, assieme a Marco Zegna si affida ad una competitiva BMW M3, vettura che nel 4° Raggruppamento dovrà confrontarsi anche con la Ford Sierra Cosworth di Valter Pierangioli e Arianna Ravano e un posto tra i protagonisti lo prenotano anche Matteo Luise e Melissa Ferro su Fiat Ritmo 130 TC. Nel 1° Raggruppamento, unici in gara sono Giuliano Palmieri e Lucia Zambiasi con l’abituale Porsche 911 S, mentre a giocarsi la classifica femminile saranno tre equipaggi “rosa”: le campionesse in carica Elena Gecchele e Giulia Dai Fiori su Fiat 124 Spider, Laura Galliano e Laura Cragnaz su Peugeot 205 Rallye oltre a Fiorenza Soave assieme a Giorgia Velardi su Fiat Ritmo 130 TC.

A Biella non mancheranno poi i contenenti delle serie private ad iniziare dai quindici equipaggi del Trofeo A112 Abarth che come da regolamento correrà gara a sé stante; vi saranno inoltre gli iscritti al Michelin Trofeo Storico e quelli del Memory Fornaca, l’iniziativa promossa dagli “Amici di Nino” che fedeli alla tradizione attenderanno conduttori e sostenitori al sempre ben fornito gazebo posizionato nella zona delle verifiche tecniche il venerdì pomeriggio.

RALLY AUTO STORICHE DI REGOLARITÀ – Con cinquanta equipaggi iscritti alla regolarità a media proposta nelle due versioni, entrambe valevoli per il neonato Campionato Italiano Rally Auto Storiche di Regolarità, “media 60” e “media 50” il Rally Lana segna un record di adesioni per questo tipo di gare. Mai infatti si era andati oltre la quarantina di equipaggi, cifra comunque toccata lo scorso anno sempre a Biella, segno che la gara proposta da Veglio 4×4 e BMT Eventi riscontra il gradimento degli “addetti ai lavori” tra i quali si leggono diversi nomi dei protagonisti del Tricolore, ad iniziare dai fratelli Verdona su Peugeot 309 GTi attualmente leader nella “60” e presenti sono anche i primi tre della “50” ovvero Gandino – Merenda su A112 Abarth, Concari – Frascaroli con la Lancia Delta 4 Wd oltre a Catanzaro – Beneduce su Mazda 323 F. Tra gli iscritti, anche il Campione italiano ed europeo Maurizio Verini al via con una Fiat X 1/9.

Il pacchetto dei “quindici” del Michelin Trofeo Italia pronto a lanciarsi nella mischia del Rally San Marino e della Coppa Valtellina

Come i componenti di una squadra di rugby, i quindici piloti iscritti al Michelin Trofeo Italia si preparano ad affrontare le prove speciali romagnole e lombarde del prossimo fine settimana. E non ci sono solo loro visto che della partita saranno anche gli ambasciatori Michelin Luca Rossetti alla Coppa Valtellina e Mikko Heikkila al San Marino. Nella foto Borut Prosenc (archivio Magnano)

MILANO, 20 giugno – Doppio appuntamento per il Michelin Trofeo Italia che nel prossimo fine settimana farà tappa in Romagna per il 52° Rally San Marino, valido per il Campionato Italiano Rally Terra e a Sondrio per la 67esima edizione della Coppa Valtellina. Alle due gare saranno presenti quindici iscritti al Challenge della Casa di Clermont Ferrand, (tre in Romagna e dodici in Lombardia) cui si aggiungeranno due fedelissimi dei pneumatici del Bibendum come il friulano Luca Rossetti, da lungo tempo residente in Valtellina e il finlandese Mikko Heikkila, che punterà senza mezzi termini al successo sulla Rocca del Titano.

Rally San Marino per tre, anzi per quattro, alfieri Michelin. Saranno tre gli iscritti al Michelin Trofeo Italia al via del 52° Rally San Marino. Gran voglia di riscatto in Secondo Raggruppamento per Borut Prosenc, affiancato dal connazionale Blaz Selan sulla Ford Fiesta Rally4, costretto al ritiro sia al Foligno, sia all’Adriatico per problemi di sovrasterzo dopo aver dominato la propria categoria. In Terzo Raggruppamento ghiotta occasione per chiudere la partita per Cristian Gherardi, con Alberto Corradi alle note della sua Peugeot 208 VTI di Classe Rally4/R2 che ha già fatto bottino pieno al Foligno e all’Adriatico. A contrastargli il passo ci proverà Luca Manera, con Franco Fedel al quaderno delle note della sua Suzuki Swift Sport Ra5N al suo esordio stagionale nel Michelin Trofeo Italia. Tutta da seguire la gara di Mikko Heikkila, con Kristian Temonen sul sedile di destra della sua Toyota GR Yaris Rally2 vincitore della gara di Foligno e capottato all’Adriatico mentre andava all’attacco della testa della classifica assoluta. Il finlandese è attualmente quarto in classifica assoluta del CIRT, avendo però già effettuato il primo scarto.

Il 52° Rally San Marino ha messo in attività i concorrenti fin da giovedì 20 giugno con le verifiche sportive e tecniche che proseguiranno anche venerdì 21 giugno, giorno in cui sulle strade di Acquaviva (RSM) si svolgeranno le prove libere, seguite dallo Shake Down e dalla cerimonia di partenza alle ore 19.30. La gara entrerà nel vivo sabato 22 giugno con le sue tre prove speciali ripetute tre volte che si snoderanno su un percorso di 342,20 km, di 64,17 cronometrati. L’arrivo è previsto a Porta San Francesco di San Marino alle ore 19.45

Valtellina dieci e lode. Saranno dieci i piloti Michelin Trofeo Italia a prendere il via alla 67esima Coppa Valtellina in programma nel fine settimana. Si prospetta un bel duello in Primo Raggruppamento che vede l’esordio stagionale nel Challenge del Bibendum di Luca Fiorenti, affiancato da Giancarla Guzzi che avrà a diposizione la Skoda Fabia in versione RS #15 e dovrà vedersela con Elio Minetti, con Fabio Berisonzi sulla Skoda Fabia evo che ha raccolto il massimo dei punti possibili al recente Prealpi Orobiche. Corposo come sempre lo schieramento in Secondo Raggruppamento che offre cinque piloti al via con tre tipologie di vetture diverse. Le prime due vetture a percorrere le strade valtellinesi saranno le muscolose Clio S1600 di Luca Sassi-Maurizio Manghera, #26, attuale capoclassifica di categoria MTI avendo fatto centro sia al Camunia, sia al Prealpi Orobiche. Immediatamente dopo, #27, sarà la volta di Marco Bonfadini-Andrea Dall’Avanzo, che hanno chiuso secondi in provincia di Bergamo. È poi la volta della Clio R3 #32 di Cristian Grimaldi-Maurizio Moroni, attualmente terzo di MTI, che precede in prova speciale la Peugeot 208 Rally4 # 39 del secondo classificato della serie della Casa di Clermont Ferrand Stefano Roncadori-Luca Silvi. Chiude la striscia MTI di Secondo Raggruppamento la seconda Peugeot 208 Rally4 #47 di Sergio Carrara-Guido Pulici, alla loro terza gara stagionale. Nel Terzo Raggruppamento Andrea De Nunzio, con Alessandro De Rossi al quaderno delle note sulla New Clio RS Rally5 #52 può chiudere i giochi. Vincitore di Raggruppamento nelle precedenti tre gare. In caso di successo il portacolori di Novara Corse intascherebbe il passaporto per il Lanterna, anche nel caso di ormai improbabili situazioni che solo la matematica estrema lascia aperte. Quindi per De Nunzio grande attacco sia nel Michelin Trofeo Italia, sia nella Classe Rally5, categoria nella quale in questa stagione ha conquistato due successi e un secondo posto. A rendergli impegnativa la strada del successo ci proveranno Davide Paroli-Matteo Baraggia, Clio RS Rally5 #51, che occupano la terza posizione di categoria nel trofeo. In Quarto Raggruppamento saranno presenti tre Clio RS N3 nelle mani di Michele Barri-Antonio Tognolini, #81, attuale capoclassifica di MTI con due successi pieni al Laghi e Camunia, inseguito da Corrado Pelazzi-Chiara Amato, #83 all’esordio stagionale nella Serie e Fabio-Fiorella Maffolini, che vogliono cancellare il doppio ritiro di Camunia e Prealpi Orobiche.

Luca Rossetti, ambasciatore Michelin ambizioso. Avrà il numero 1 sulle portiere e sarà sicuramente fra i favoriti della Coppa Valtellina. Luca Rossetti prenderà il via per la settima volta in quella che è ormai diventata la sua gara di casa, da anni vive a Sondrio, con la Skoda Fabia RS per i colori Bluthunder Racing Italy, come ambasciatore del marchio Michelin sui campi di gara.

La 67esima Coppa Valtellina entra nel vivo venerdì 21 giugno con le verifiche serali

sportive e tecniche che continueranno anche nella giornata di sabato 22 giugno a Chiesa di Valmalenco (SO). A seguire lo Shake Down e la cerimonia di partenza alle ore 15.01 da Chiesa di Valmalenco e le prime due prove speciali, prima del riordino notturno a Sondrio. Domenica 23 giugno le altre otto prove speciali per un percorso totale di gara di 349,50 km di 61,00 netti di prove speciali. L’arrivo è previsto per le ore 16.11 di sabato a Chiesa di Valmalenco.

Tutti i regolamenti, le classifiche, i comunicati stampa, le informazioni e le gallerie fotografiche sono pubblicate nel sito Michelin Trofeo Italia 2024; https://trofeo.michelin.it, o rivolgendosi al promoter: Sport Team Equipment S.r.l. Via Petrarca 18/B –45100 Rovigo, inviando una mail all’indirizzo competizioni@sporteamequipment.it, o telefonando a Guglielmo Giacomello, 335 607.44.85. Il presente comunicato non ha valore regolamentare.

Speed Fire Racing: Rossi-Cipolla primi di categoria al 60° Valli Ossolane

Dalla Puglia al Piemonte, entra nel vivo la stagione rallystica della scuderia borgosesiana

Sono settimane intense per la Speed Fire Racing: dalla Puglia al Piemonte, la scuderia borgosesiana segna la sua presenza ai più importanti appuntamento della stagione rallystica italiana.

Il mese di maggio si è chiuso con il 56° Rally del Salento, la terza tappa del Trofeo Italiano Rally a coefficiente 1,5, che si è disputato nel fine settimana tra il 24 e il 25. Tra gli equipaggi al via anche il navigatore della Speed Fire Mattia Rodighiero alle note del pilota Alessandro Forneris. Al termine dei 420 km (di cui 86 cronometrati), divisi in 8 prove speciali, corsi sulle strade della spettacolare provincia leccese, la coppia, iscritta al trofeo monomarca Suzuki 2024, si è classificata 29° assoluta, 3° tra gli under 25 e 5° di classe RA5N.

Risalendo la Penisola, tra il 15 e il 16 giugno, è andata in scena la sessantesima edizione dello storico Rally Valli Ossolane. L’appuntamento, valido per la Coppa Rally di Zona 1, ha visto la partecipazione di più di un centinaio di iscritti che si sono dati battaglia tra le 9 prove speciali per un totale di 70 km di crono. Le strette strade del Verbano Cusio Ossola sono state teatro di un rally spettacolare che ha coinvolto anche una grande presenza di pubblico. Il fine settimana non è stato però facile per tutti: tra i sei equipaggi firmati Speed Fire schierati alla partenza, solamente tre hanno tagliato il traguardo finale. A farlo per primi nella loro classe, la Rally5/R1, sono stati il presidente della scuderia borgosesiana Mauro Rossi in coppia con Simone Cipolla a bordo della loro Suzuki Swift. Con una vittoria di categoria e una 102° posizione nella classifica assoluta, Rossi porta a casa  punti importantissimi per il campionato Rally CRZ1. Buona prestazione anche per Marco Abbate e  Francesco De Ruosi che, dopo tante gare sfortunate, finalmente sono riusciti a portarsi a casa qualche soddisfazione. Il pilota di Pogno su Peugeot 208 Vti Rally4 si è classificato 79° assoluto e 7° di classe. Bene anche per Luciano Calini e Francesco Cuaz su Opel Corsa GS; la coppia si è classificata 76° nella assoluto e 12° di classe Rally4. Costretti al ritiro a causa di noie meccaniche gli equipaggi formati da Bocchio e Natoli su Skoda Fabia R5 e De Marco-Tedesco su Peugeot 106 N2. Infine, anche Mattia Rodighiero, alle note di Gabriele Piffero, non ha terminato la corsa per via di una rottura meccanica. Le Valle Ossolane era per la coppia la prima gara su Renault Clio Super 1600. Il prossimo appuntamento per la scuderia sarà all’8° Rally di Castiglione Torinese che si disputerà l’ultimo weekend di giugno. Al via ci saranno anche due portacolori Speed Fire: Paolo De Marco e Loretta Tedesco su Peugeot 106 N2 e Gianluca Quaderno con Lara Zanolo con Peugeot 208 R2B.

È il momento del Rally Lana Storico

Il tempo di analizzare i risultati del Rally delle Valli Ossolane, appuntamento della Coppa Rally 1ª zona, e per la scuderia Biella Motor Team è già tempo di pensare al Rally Lana Storico, prova del Campionato Italiano di categoria che si corre sabato 22 giugno.

In Val d’Ossola la scuderia ha piazzato Massimo Lombardi e Fabrizia Bianchetti al quarantaduesimo posto assoluto sulla Peugeot 208 GT Line: dopo qualche problema iniziale, sono riusciti a recuperare fino al quinto posto di classe Rally4 raccogliendo punti preziosi per la CRZ1.  Davide Pantone ed Andrea Pessot (Citroën Saxo VTs) hanno chiuso ottantacinquesimi assoluti e secondi di classe RS1.6 Plus, altro secondo posto in classe RA5H per la Suzuki Swift di Giuseppe Candiani e Roberta Steffani che sono 114esimi nella generale. Costretti al ritiro Alessandro Colombo e Matteo Grosso (Peugeot 106 Rallye), Andrea Dentella e Fabrizio Cerruti (Renault Clio RS) ed il navigatore Paolo Ferraris in gara con Damiano Arena su una Peugeot 106 Rallye.

Come sempre, numerosi gli iscritti della scuderia al Rally della Lana Storico che si svolgerà sulle classiche prove del Biellese. Ci saranno Franco Vasino e Pamela Mirani su Porsche 911 SC, Claudio Bergo ed Eraldo Botto con la Toyota Celica ST165, Michele Andolina e Leo Moro su Lancia Delta Integrale 16V, Paolo Colombo ed Ilvo Rosso (Peugeot 309 GTI 16V), Primino Clerico ed Enrico Friaglia (Peugeot 309 GTI 16V), Stefano Canova e Matteo Zanetti con la loro Audi Quattro. Al via anche Bruno Galletto e Sarah Avagnina (Fiat Ritmo), Jonathan Pirali ed Eleonora Correggia (Peugeot 205), Alberto Corsi e Martina Cirio (Autobianchi A112 Abarth), Enzo Borini ed Aldo Gentile con l’abituale Opel Ascona SR 2.0, Marco Maiolo e Maria Teresa Paracchini su Porsche 911 RS come Luca Valle e Cristian Bertoglio. Iscritti pure Alberto Secco e Roberta Steffani su Peugeot 205, Stefano Prosdocimo e Diego Pontarollo (Porsche Carrera RS), Stefano Cerri e Deborah Manfrinati (Peugeot 205 GTI). Ci saranno anche i navigatori Luigi Cavagnetto con il pilota Pier Luigi Porta su una Ford Escort RS 2000 e Paolo Ferraris con Luca Ferrero su una Ford Sierra Cosworth.

Nella gara di Rally Regularity ci sono Roberto Coppa e Monica Verza su Ford Sierra Cosworth, Stefano Sala e Vittorio Battaglin anche loro su una vettura inglese. Iscritte anche due Peugeot 309 GTI 16V: quelle di Luciano e Paolo Di Tullio e di Stefano e Gabriele Mazzola oltre alla Lancia Delta Integrale “Esso” di Andrea e Leonardo Siro.

Merc_7

Speed Fire Racing: Rossi-Cipolla primi di categoria al 60° Valli Ossolane

Dalla Puglia al Piemonte, entra nel vivo la stagione rallystica della scuderia borgosesiana

Sono settimane intense per la Speed Fire Racing: dalla Puglia al Piemonte, la scuderia borgosesiana segna la sua presenza ai più importanti appuntamento della stagione rallystica italiana.

Il mese di maggio si è chiuso con il 56° Rally del Salento, la terza tappa del Trofeo Italiano Rally a coefficiente 1,5, che si è disputato nel fine settimana tra il 24 e il 25. Tra gli equipaggi al via anche il navigatore della Speed Fire Mattia Rodighiero alle note del pilota Alessandro Forneris. Al termine dei 420 km (di cui 86 cronometrati), divisi in 8 prove speciali, corsi sulle strade della spettacolare provincia leccese, la coppia, iscritta al trofeo monomarca Suzuki 2024, si è classificata 29° assoluta, 3° tra gli under 25 e 5° di classe RA5N.

Risalendo la Penisola, tra il 15 e il 16 giugno, è andata in scena la sessantesima edizione dello storico Rally Valli Ossolane. L’appuntamento, valido per la Coppa Rally di Zona 1, ha visto la partecipazione di più di un centinaio di iscritti che si sono dati battaglia tra le 9 prove speciali per un totale di 70 km di crono. Le strette strade del Verbano Cusio Ossola sono state teatro di un rally spettacolare che ha coinvolto anche una grande presenza di pubblico. Il fine settimana non è stato però facile per tutti: tra i sei equipaggi firmati Speed Fire schierati alla partenza, solamente tre hanno tagliato il traguardo finale. A farlo per primi nella loro classe, la Rally5/R1, sono stati il presidente della scuderia borgosesiana Mauro Rossi in coppia con Simone Cipolla a bordo della loro Suzuki Swift. Con una vittoria di categoria e una 102° posizione nella classifica assoluta, Rossi porta a casa  punti importantissimi per il campionato Rally CRZ1. Buona prestazione anche per Marco Abbate e  Francesco De Ruosi che, dopo tante gare sfortunate, finalmente sono riusciti a portarsi a casa qualche soddisfazione. Il pilota di Pogno su Peugeot 208 Vti Rally4 si è classificato 79° assoluto e 7° di classe. Bene anche per Luciano Calini e Francesco Cuaz su Opel Corsa GS; la coppia si è classificata 76° nella assoluto e 12° di classe Rally4. Costretti al ritiro a causa di noie meccaniche gli equipaggi formati da Bocchio e Natoli su Skoda Fabia R5 e De Marco-Tedesco su Peugeot 106 N2. Infine, anche Mattia Rodighiero, alle note di Gabriele Piffero, non ha terminato la corsa per via di una rottura meccanica. Le Valle Ossolane era per la coppia la prima gara su Renault Clio Super 1600. Il prossimo appuntamento per la scuderia sarà all’8° Rally di Castiglione Torinese che si disputerà l’ultimo weekend di giugno. Al via ci saranno anche due portacolori Speed Fire: Paolo De Marco e Loretta Tedesco su Peugeot 106 N2 e Gianluca Quaderno con Lara Zanolo con Peugeot 208 R2B.

Gianluca Ticci parte bene nel “Tricolore” Supersalita

Doppio podio per il pilota della Sport Favale 07 alla Trento – Bondone

Favale di Malvaro (GE), 18 giugno 2024. E’ iniziata nel migliore dei modi la stagione di Gianluca Ticci in seno al Campionato Italiano Supersalita.  Alla 73^ edizione della “Trento – Bondone”, terzo appuntamento della serie “tricolore”, il portacolori della Scuderia Sport Favale 07, al volante della sua Fiat X1/9 2000 16v preparata a Parma da Andrea Vescovi, ha conquistato un doppio podio, essendosi classificato secondo sia di Gruppo che di Classe E2SH, oltre ad aver chiuso la prova al 16° posto assoluto, su 161 piloti classificati.

Sia in Gruppo che in Classe –osserva Gianluca Ticci – sono giunto dietro un pilota veloce ed esperto come Manuel Dondi e questo, per me, equivale ad un successo. Così come considero una vittoria l’essere riuscito a partecipare a questa gara, che non a caso è soprannominata l’”Università della Salita”: è stata una bella esperienza che archivio con grande piacere. Ora, però, l’attenzione si sposta al prossimo impegno, la 63^ Coppa Paolino Teodori, in programma ad Ascoli Piceno a fine mese, a cui spero, problemi di lavoro permettendo, di riuscire a partecipare”.

La stagione 2024 di Gianluca Ticci è supportata dalla Scuderia Sport Favale 07 e da un pool di aziende formato da Centro Revisioni Auto del Tigullio Srl, Previati Stefano – Officina Meccanica Industriale, Saracino Srl, De.Ca. Srl, Drago Edilstudio Srl, EdilCleri, Ticci Snc, Ricambi di Mattia Rosi, Feraboli Lubrificanti – Concessionaria ufficiale Mobiluno, Officina Vescovi Andrea Sas, Evosistem Engine Management, AGM CNC Racing Parts Parma, WRAP.IT e OrioliSuspension. 

VM Motor Team, Robone al top in Classe A0 al Rally Valli Ossolane 

Il pilota pavese pronto per la terra del San Marino, podio anche per Faletto in A5 

Buoni risultati per il VM Motor Team al Rally Valli Ossolane. La scuderia guidata da Moreno Voltan ha infatti ottenuto una importante vittoria in classe A0 grazie alla prestazione di Andrea Robone e Luigi Bariani. Il pilota pavese, a bordo di una Fiat 600, ha anche primeggiato nel Gruppo RC6N terminando la gara con un margine significativo sul primo degli inseguitori e regalando al team alessandrino il quindicesimo successo di classe della stagione. 

Le prove speciali ossolane hanno sorriso anche a Fabrizio Faletto e Paola Moia, giunti terzi in classe A5 a bordo di una Peugeot 106, mentre Giancarlo Arienta e Jastine Sertori hanno chiuso al ventiseiesimo posto in classe R5 con una Skoda Fabia. 

Weekend da dimenticare invece per Daniele Ferrotto e Sabrina Ferraro, costretti al ritiro sulla prova speciale 4 al Ralyle dei Nebrodi che affrontavano con una Peugeot 205 A5. 

Il VM Motor Team ora pensa già al prossimo weekend, che vedrà nuovamente Andrea Robone in gara con la Fiat 600, ma questa volta sullo sterrato del Rally San Marino, valido per il Campionato Italiano Rally Terra. Per l’occasione sul sedile di destra siederà Nancy Bondi. 
Sull’asfalto della Coppa Valtellina, valida per la Coppa Rally Zona 3, saranno invece impegnati Andrea Bernardi e Chiara Battistelli a bordo di una Renault Clio Rally3. 

Lanterna Corse Rally Team con nove equipaggi al Rally Val d’Aveto 

La gara di casa è in programma il 22-23 giugno 

Sarà formata da nove equipaggi la rappresentativa della Lanterna Corse Rally Team in occasione dell’8° Rally Val d’Aveto, gara nazionale in programma il 22-23 giugno sulle strade dell’estremo entroterra genovese. 
Non nascondono ambizioni di alta classifica Igor Raffo e Paolo Rocca, al via con una Skoda Fabia Rally2/R5 curata da Erreffe e pronti a confrontarsi con gli avversari al top dell’assoluta. 

Gianluca Caserza, dopo la vittoria allo Slalom Busalla Crocefieschi è pronto a salire sulla Renaul Clio Super 1.6 che gli sarà messa a disposizione da VSport e che dividerà con Giulia Patrone, mentre in Rally4 Alessandro Fugazzi e Laura Peragallo affronteranno le strade avetane con una Peugeot 208; sempre con la trazione anteriore del Leone Rampante, ma in versione R2, ci saranno Luca Ciprietti e Nicolò Minetti. 
Due le Renault Clio in classe Rally5, per Enrico Cavagnaro con Manuel Zanardi e Paolo Saredi con Lorena Mirone.  
In classe A0 ci sarà invece un terzetto di Fiat 600, guidato da Giovanni Garbarino ed Enrica Gioffrè, che se la vedranno con Jacopo Costa affiancato da Igino Diamanti e con Gabriele D’India insieme a Christopher Lelli.  

Il 37° Rally Lana entra nel vivo: da oggi il via alle iscrizioni

 Il quinto atto del Trofeo Italiano Rally, previsto per il 19 e 20 luglio, anche tappa fondamentale della Coppa Rally di zona a coefficiente maggiorato, è pronto ad accogliere nuove ed esaltanti sfide su un percorso che si ispira al classico. Due le giornate di gara, dove non sono previste sia “virtual chicane” che “slow zone”, con la prima che di certo lascerà il segno con la lunga “Città di Biella” di oltre 20 chilometri da corrersi con il buio. Iscrizioni aperte fino al 10 luglio. Il podio assoluto del 2023 (foto di Ciro Simoni)

Biella, 19 giugno 2024 – Una delle più iconiche gare di rally italiane e non solo, una delle competizioni su strada ricche di tradizione sta entrando nel vivo. E’ il 37. RallyLana, in calendario per il 19 e 20 luglio, quinto atto del Trofeo Rally Asfalto e quinta prova pure della Coppa Rally di Zona 1 a coefficiente 1,75.

Da oggi iscrizioni aperte per l’evento, un ventaglio temporale chi si allungherà fino a mercoledì 10 luglio, con il lavoro organizzativo di rallyLANA.ALIVE a.s.d. insieme a New Turbomark che ne cura gli aspetti tecnico-sportivi. Un lavoro che prosegue nell’idea partita pochi anni fa, quella cioè di restituire a Biella ed al mondo dei rallies italiani un evento di pregio, tecnicamente e sportivamente all’altezza del suo blasone, ponendosi come tappa fondamentale quest’anno del Trofeo Rally Asfalto che arriva a Biella dopo quattro diversi vincitori in altrettante gare, oltre che cardine della Coppa Rally di Zona.

UN PERCORSO DAI CARATTERI FORTI CON DUE GIORNI DI SFIDE EMOZIONANTI

Il rally che scatterà avrà un percorso legato fortemente alla tradizione, con prove speciali che hanno fatto la storia non solo della gara stessa ma del rallismo nazionale e anche oltre.

Due le giornate di sfida, con il programma che rispecchia in ampia parte la passata edizione e con il venerdì 19 luglio che dopo la partenza da Piazza Duomo in Biella alle ore 17,31, sarà impegnato con le due prove speciali più “toste” della gara, che si correranno sulla stessa strada, quella del Santuario di Oropa. Saranno la “Tracciolino” di 16,170 chilometri e la più lunga “Città di Biella”, di 23,600, di certo tra le più lunghe dell’intero Campionato, una sfida contro sé stessi e contro il tempo, con il retrogusto forte dell’oscurità. Come ai tempi “eroici” delle corse su strada.

Il programma prevede poi il riordinamento notturno in Piazza Martiri della Libertà in Biella e la ripresa della “ostilità” l’indomani, sabato 20 luglio, con le restanti quattro prove speciali, due da ripetere due volte. Sono tratti ascritti alla storia più emozionante della competizione, sfide di spessore tecnico e sportivo come poche altre:  La “Ailoche” di 11,500 chilometri e la “Curino” di 13,120. I più attenti noteranno che tutte le “piesse” superano i dieci chilometri di sviluppo, conferendo alto valore alla competizione. Una competizione che NON prevede sia le “virtual chicane” che le “Slow Zone”. La bandiera a scacchi sventolerà a partire dalle ore 16,01, sempre in Piazza Duomo a Biella. In totale la distanza competitiva del rally è di 89,010 chilometri a fronte dell’intero tracciato che ne misura 310,930.

L’edizione del 2023 vide la vittoria dei bresciani Albertini-Fappani (Skoda), davanti a Campedelli-Canton superarono all’ultima occasione cronometrata l’idolo di casa Corrado Pinzano, affiancato da Turati sulla VolksWagen PoloR5, rallentato da una foratura. Sfortunato anche il giovanissimo bresciano Andrea Mabellini (Skoda), leader fino a metà gara, poi fermato da una foratura.

Intanto, la preparazione del rally prosegue definendo molti dettagli, per rendere l’appuntamento come al solito unico, sul sito web ufficiale all’indirizzo https://www.rally-lana.it/ vi sono già presenti molte informazioni sull’evento.

Il Rally Val d’Aveto pronto a partire con 60 equipaggi  

Fervono i preparativi a Santo Stefano per il weekend del 22-23 giugno 

Hanno chiuso a quota 60 le iscrizioni per l’ottava edizione del Rally Val d’Aveto, gara nazionale organizzata dalla Lanternarally con il supporto del Gruppo Sportivo Allegrezze, dell’Automobile Club di Genova e dell’amministrazione locale di Santo Stefano d’Aveto. 
Un elenco partenti di qualità, che promette grande spettacolo sulle strade dell’entroterra ligure, guidato da una pattuglia di ben undici vetture R5/Rally2, la classe regina delle gare nazionali e continentali. Confermata la presenza di Claudio Arzà; il pilota spezzino, vincitore nel 2023, si presenterà nuovamente al via con Massimo Moriconi alle note a bordo di una Skoda Fabia, la stessa vettura che gli permise di trionfare lo scorso anno. 
I contendenti per la vittoria però non mancheranno, ad iniziare dal parmense Federici su Volkswagen Polo, che con Raffo, Giacobone, Santini, Gangi, Bertani, Biggi, “Dedo”, “Iceman” e Fallabrino, tutti con la vettura céca, regina incontrastata delle gare di zona. 

Occhi puntati sulla classe Super 1.6, con le Renault Clio che stanno vivendo una seconda giovinezza. Con tre esemplari della trazione anteriore francese ci saranno Caserza, Castagnoli e Guardincerri, mentre la classe Rally4, insieme alla R2, sarà come al solito una delle più rappresentate complessivamente con dodici vetture, tutte Peugeot 208 turbo ed aspirate ad eccezione di una Citroen C2. Dieci auto anche nella Rally5, monopolizzata dalle Renault Clio, seguite da quattro A7, quattro N3, due A6, una R3, una Rs1.6 plus, una A5, cinque N2 e cinque A0. 

Il Rally Val d’Aveto entrerà nel vivo già nella mattinata di sabato 22 giugno, quando gli equipaggi si troveranno a Santo Stefano per svolgere le operazioni di verifica e per testare le auto durante lo shakedown allestito su una parte della prova speciale “Pievetta”. Alle 15:31 invece si terrà la cerimonia di partenza nel cuore del centro storico e poco dopo la sfida avrà ufficialmente inizio, con il doppio passaggio (ore 15:50 e 18:20) sulla prova “Alpicella”. Tra le due PS i concorrenti sosteranno a Rocca d’Aveto per il riordino, mentre le auto saranno poi lasciate sul campo sportivo di Allegrezze per il riordino notturno. 
Domenica 23 giugno ripartenza alle 8, con le restanti sei prove speciali da disputare: tre passaggi sulle “Pievetta” e “Monte Penna”, con arrivo previsto a Santo Stefano alle 16, con la consueta premiazione sotto al Castello. 

Michelin Trofeo Italia, al Rally dei Nebrodi torna il sorriso a Mariano Bruno

Tutti al traguardo gli iscritti del Trofeo del Bibendum alla gara messinese, con Mariano e Giorgia Bruno che risultano i più veloci della pattuglia Michelin, mentre Josef Cannistrà fa suo il Terzo Raggruppamento e Nicola Venuto conquista il successo in Classe RSTBH. Foto Magnano

SANT’ANGELO DI BROLO (ME) 16 giugno – Sorride finalmente Mariano Bruno sul palco arrivi del 24° Rallye dei Nebrodi andato in scena sabato 15 e domenica 16 in quella zona di Sicilia che guarda al Continente. Sorride finalmente perché, assieme alla figlia Giorgia, ha visto finalmente il traguardo dopo due ritiri al Rally dei Nebrodi e al Targa Florio che avevano un po’ smorzato gli entusiasmi all’equipaggio portacolori di PS Start. Questa volta la loro Punto S1600 li ha assecondati perfettamente, non solo permettendo a Mariano e Giorgia di vedere il traguardo, ma anche di cogliere un’ottima 31esima piazza assoluta che significa pure il primato in Classe S1600, primato conquistato dopo una bella rimonta sugli avversari di categoria. Con il risultato dei Nebrodi Mariano Bruno coglie i primi punti del Michelin Trofeo Italia 2024 di Secondo Raggruppamento Zona 9. Il Terzo Raggruppamento MTI della Sicilia ha visto il successo della Peugeot 208 Rally4/R2 di Josef Cannistrà-Pietro Guido che sono saliti sul palco finale di Sant’Angelo di Brolo in 34esima posizione assoluta, precedendo gli avversari di categoria Nicola Venuto-Giovanni Lo Neri che, pur essendo arrivati alle spalle dei portacolori di EM Management, hanno conquistato il successo di Classe RSTBH in gara con la loro Peugeot 207. Dopo tre gare la situazione di Terzo Raggruppamento MTI Zona 9 si presenta piuttosto fluida. Nicola Venuto (84,54 punti) continua a guidare la classifica, ma ha già incasellato tre risultati utili, mentre Josef Cannistrà con il successo messinese sale a quota 54,54, ma ha solo due risultati in carniere. Facile prevedere che il duello si risolverà sul filo del rasoio solo all’ultima gara.

Il prossimo appuntamento di Zona-9, del Michelin Trofeo Italia (quarto della stagione) sarà il 22° Rally di Caltanissetta in programma il 13-14 agosto.

Tutti i regolamenti, le classifiche, i comunicati stampa, le informazioni e le gallerie fotografiche sono pubblicate nel sito Michelin Trofeo Italia 2024; https://trofeo.michelin.it, o rivolgendosi al promoter: Sport Team Equipment S.r.l. Via Petrarca 18/B –45100 Rovigo, inviando una mail all’indirizzo competizioni@sporteamequipment.it, o telefonando a Guglielmo Giacomello, 335.44.85. Il presente comunicato non ha valore regolamentare.

Alessandro La Ferla cavaliere d’argento del Michelin Trofeo Italia al Rally di Reggello

Grandi soddisfazioni per i protagonisti della Serie del Bibendum che nelle colline fiorentine portano a casa una seconda piazza assoluta, una vittoria di classe e altri tre podi di categoria. Foto Magnano

REGGELLO (FI) 16 giugno – Grandi emozioni sulle colline fiorentine per i protagonisti del Michelin Trofeo Italia che conquistano la seconda piazza assoluta con Alessandro La Ferla e conquistano il successo nela classe di appartenenza con Massimiliano Milli e salgono sul podio di categoria con Lorenzo Sardelli, Lorenzo Ancillotti e Massimo Tintori. I raggruppamenti MTI vanno a La Ferla, Sardelli, Ancillotti e Tintori. Sfortunato Cavalieri, tamponato dal concorrente che lo seguiva in gara.

Alessandro La Ferla guarda dall’alto in Primo Raggruppamento. Nulla da fare contro Alessandro La Ferla, a Reggello affiancato da Alessio Pellegrini, che domina la categoria del Michelin Trofeo Italia, conquistando con autorevolezza pure la seconda piazza assoluta del rally. Un bel palmares per il portacolori di Jag Motorsport (alla prima gara di stagione) che nelle due uscite in carriera con la Skoda Fabia ha conquistato una vittoria al Fettunta di fine stagione scorsa e ora la seconda piazza nelle colline fiorentine. Sfortunata la gara di Marco Cavalieri ed Emanuele Dinelli con la Citroen C3 R5/Rally2 che si fermano dopo due prove, tamponati al Controllo Stop di fine seconda prova dal concorrente che li seguiva in prova speciale. I gravi danni subiti dalla vettura hanno impedito a Cavalieri-Dinelli di proseguire. Il Rally di Reggello non smuove la classifica di Primo Raggruppamento, stante l’assenza dei primi tre classificati, Volpi (60,90), Puccetti (54,68), Giordano (44,64), mettendo in gioco Alessandro La Ferla (30,30) che con una sola gara disputata ha tutte le possibilità di portarsi al vertice della classifica.

Secondo Raggruppamento tutto per Sardelli. Successo pieno in Raggruppamento per Lorenzo Sardelli, affiancato da Luigi Giovacchini che con la sua Peugeot 208 Rally4 conquista il 13° posto in classifica assoluta che gli vale anche la seconda piazza in Classe Rally4 in gara. Alle sue spalle l’accoppiata Massimiliano Milli-Marco Piazzini che chiudono 27esimi in classifica generale prendendosi la soddisfazione di vincere la Classe R3 con la loro Clio. Dopo due gare Lorenzo Sardelli prende il largo con 60,60 punti grazie al doppio successo del Trofeo Maremma e di Reggello. Entra in classifica anche Massimiliano Milli, che con i punti della seconda piazza di Reggello (24,24) va a occupare la terza posizione in classifica alle spalle di Mattia Vita (30,00).

Terzo Raggruppamento, Ancillotti prende la testa. Secondo centro stagionale per Lorenzo Ancillotti, affiancato dal fratello Cosimo che nella gara di casa conquista il 19° posto assoluto e la seconda piazza di Rally5 con la sua Renault New Clio RS. Con questo risultato il portacolori di Due Effe Corse prende il comando del raggruppamento MTI con 60,30 punti grazie ai successi di Maremma e Reggello scavalcando Filippo Tonarelli (54,84) e Alessio D’Alessandro (44,44) tutti con due gare disputate.

Quarto Raggruppamento, Tintori comanda da solo. La buona gara di Massimo Tintori-Luca Ambrogi con la loro Clio RS frutta ai portacolori di GRT Rally Team la 19esima piazza assoluta e la medaglia d’oro Classe N3. Non solo, ora Tintori guida la classifica di categoria di MTI con 60,00 punti essendosi scrollato la parità da Niccolò Iacopetti (30,00) che si era imposto a Il Ciocco.

Il prossimo appuntamento di Zona-7, del Michelin Trofeo Italia (quinto della stagione) sarà la 59esima Coppa Città di Lucca in programma il 2-3 agosto.

Tutti i regolamenti, le classifiche, i comunicati stampa, le informazioni e le gallerie fotografiche sono pubblicate nel sito Michelin Trofeo Italia 2024; https://trofeo.michelin.it, o rivolgendosi al promoter: Sport Team Equipment S.r.l. Via Petrarca 18/B –45100 Rovigo, inviando una mail all’indirizzo competizioni@sporteamequipment.it, o telefonando a Guglielmo Giacomello, 335.44.85. Il presente comunicato non ha valore regolamentare.

Michelin Trofeo Italia al San Martino di Castrozza porta in paradiso Spagnoli e Cunegatti

Michele Spagnoli vince il Terzo Raggruppamento ed è il migliore dei piloti MTI al traguardo precedendo di una sola posizione Giancarlo Cunegatti, il più veloce di Secondo Raggruppamento. Salvatore De Grazia fa suo il Primo Raggruppamento, mentre Nicola Dall’Osto si impone nel Quarto. Foto Magnano

SAN MARTINO DI CASTROZZA (TN) 17 giugno – Buone prestazioni dei piloti del Michelin Trofeo Italia, il migliore dei quali in classifica assoluta è Michele Spagnoli, sedicesimo che conquista il Terzo Raggruppamento di MTI e la vittoria di Classe Rally4/R2. Appena una posizione più indietro si classifica Giancarlo Cunegatti, che primeggia in Secondo Raggruppamento. Il Primo Raggruppamento va a Salvatore De Grazia, mentre il Quarto è di Nicola Dall’Osto che conquista anche la Classe N3. Si impongono nella loro categoria Ivan Stival, che fa sua la Classe A7, Federico Francia (Rally5) e Maurizio Capuzzo (RS 1.6 Plus). Sfortunato Cesare Rainer, il più veloce fra i piloti del Michelin Trofeo Italia finché è rimasto in gara.

Primo Raggruppamento, De Grazia avvicina il leader Bottoni. Solitario in Primo Raggruppamento di Michelin Trofeo Italia, Salvatore De Grazia, affiancato da Sandra Salotto, porta la sua Citroen DS3 Rally5/R2, in 43esima posizione finale, alternando ottime prestazioni, come il 13° tempo sul Manghen, ad altre prove meno fortunate. Consentendogli, comunque, di fare bottino pieno nel Challenge della Casa di Clermont Ferrand salendo così a quota 54,24 punti, portandosi ad appena sei lunghezze da Federico Bottoni che guida la classifica con 60,30 punti.

Secondo Raggruppamento, è l’ora di Cunegatti. Prima gara nel Michelin Trofeo Italia 2024 e Giancarlo Cunegatti, con Thomas Panato, fa subito centro con la Peugeot 208 Rally4, con la quale non solo conquista la vittoria di Raggruppamento Michelin ed è secondo assoluto fra gli iscritti al MTI, ma è pure 17° assoluto e terzo sia di Classe Rally4, sia di Over 55. Il pilota di Balt Motorsport ha nettamente ragione della vettura gemella di Graziano Nember-Luca Catalano, 38esimi assoluti, che vincono il duello con l’altra Peugeot 208 Rally4 di Paolo Reccagni-Marinella Bonaiti. A seguire la Clio Williams di Ivan Stival-Francesco Bardin, che sono gli assoluti dominatori della Classe A7 della gara. Al traguardo anche la Clio Rally4 di Simone Giovanelli-Matteo Giansoldati e la Peugeot 208 Rally4 di Adriano Pilotto-Massimo Facchinetti. Peccato per Cesare Rainer-Thomas Moser che al momento del ritiro con la loro Clio erano 13esimi assoluti, primi di Raggruppamento di MTI e stavano conducendo con autorevolezza la Classe R3 di cui avevano vinto tutte le speciali. Fermi sulla prova sei Michele Barisan e Fabio Bechevolo, Peugeot 208 Rally4. Il successo di San Martino di Castrozza porta Giancarlo Cunegatti in seconda posizione di Raggruppamento MTI con 30,90 punti (e una sola gara) avvicinando Graziano Nember (41,20) che ha già ottenuto la quarta piazza al Marca, e il la seconda a San Martino di Castrozza.

Terzo Raggruppamento, Michele Spagnoli fa volare la Peugeot 208. Grandissima prova di Michele Spagnoli, con a fianco l’esperta Giancarla Guzzi, capace di portare la sua Peugeot 208 Rally4/R2 in sedicesima posizione assoluta, che significa anche il miglior piazzamento dei concorrenti del Michelin Trofeo Italia. Oltre che implacabile vincitore della propria categoria Rally4/R2, nella quale non ha concesso il minimo spazio agli avversari. Alle sue spalle si piazzano le quattro Renault Clio Rally5 di Federico Francia-Stefano Costi (23esimi assoluti e vincitori della propria Classe Rally5) che hanno ragione Andrea Zanon-Giuseppe Cogo, che superano di un soffio Maurizio Ferrarol-Matteo Barbiero, costretti a cedere una posizione agli avversari a causa di una penalità. Completa il quadro delle Clio la vettura di Gianluca Micheloni-Roberta Antonelli, che ha ragione della Peugeot 208 Rally4/R2 di Roger Vardanega-Manuel Lazzer. Dopo tre gare la testa della classifica è mantenuta da Gianluca Micheloni (53,32) grazie ai tre risultati utili raccolti finora, ma immediatamente alle sue spalle si è portato Michele Spagnoli (30.90) grazie al centro fatto a San Martino di Castrozza alla prima uscita stagionale.

Il Quarto Raggruppamento sorride a Dall’Osto. Successo senza problemi in categoria per Nicola Dall’Osto con Federica Gilli alle note, che porta la sua Clio RS in 46esima posizione assoluta assicurandosi anche il successo in Classe N3. Alle sue spalle la Opel Adam Racing Start 1.6 Plus di Maurizio Capuzzo-Sonia Dal Dosso che nonostante i 50” di penalità fanno loro la categoria di appartenenza. Il risultato del San Martino di Castrozza consente a Nicola Dall’Osto (54,54) di scavalcare il precedente leader Luca Checcozzo (30.30) vincitore in Valpolicella.

Il prossimo appuntamento di Zona-4, del Michelin Trofeo Italia (quarto della stagione) sarà il 42° Rally 2Valli di Verona in programma il 28-29 giugno.

Tutti i regolamenti, le classifiche, i comunicati stampa, le informazioni e le gallerie fotografiche sono pubblicate nel sito Michelin Trofeo Italia 2024; https://trofeo.michelin.it, o rivolgendosi al promoter: Sport Team Equipment S.r.l. Via Petrarca 18/B –45100 Rovigo, inviando una mail all’indirizzo competizioni@sporteamequipment.it, o telefonando a Guglielmo Giacomello, 335.44.85. Il presente comunicato non ha valore regolamentare.

Svelato il Rally di Salsomaggiore Terme 2024

Anche in questa edizione al via le vetture moderne e storiche. Vellani – Maletti – Skoda Fabia (Foto Zini) 

Definiti anche gli ultimi dettagli, il Rally di Salsomaggiore Terme assume la sua fisionimia definitiva. Giunta alla sua settima edizione, la competizione parmense promossa da Media Rally Promotion in stretta sinergia con Salso Rally Promotion si correrà nel week-end del 27 e 28 Luglio. Inserita nel calendario dei Rally Nazionali, la gara sarà valida per la serie R-Italian Trophy e Michelin Trofeo Italia. Al Rally moderno, come ormai consuetudine si affianca la sfida riservata alle auto storiche giunta alla sua sesta edizione. La gara emiliana si presenta in una veste particolarmente rinnovata soprattutto nella location. La pedana di partenza e arrivo verrà allestita nel centralissimo Viale Romagnosi da dove Sabato 27 gli equipaggi prederanno il via per affrontare l’attesissima “Mickey Mouse” una vera e propria prova Spettacolo  di 3 km. con  lo start nel cuore della città. Sullo stesso tratto verrà allestito inoltre anche lo Shakedown. La domenica sono in programma le classiche “Pellegrino” (allungata a 8.20 km.) e Varano

 (7,50 km.) che verranno ripetute  3 volte. Il Riordino a Pellegrino Parmense mentre Partenza, Arrivo, Riordino del Sabato, Parco Assistenza, Verifiche Tecniche-Sportive e il Parco Chiuso saranno allestiti  in un immenso Villaggio Rally a pochi passi dal centro. Il Rally di Salsomaggiore Terme conferma quindi le sue caratteristiche di gara raccolta e di facile gestione a cui si aggiunge la particolare ricettività alberghiera in grado di offrire oltre 4000 posti letto. Ma si pensa già al 2025 dove si lavora per proporre una edizione alcune interessanti novità tecniche e logistiche.

Biella 4 Racing, al Rally Lana Storico con tre equipaggi ed un navigatore, più un duo apripista

Vidale-Colongo e Barbera nella gara di velocità, Maielli-Gambino con Rossetta-Delucchi in quella di regolarità, Ozino-Tosi da ouverture

Valle San Nicolao: Con il mese di giugno giunge in casa Biella 4 Racing il tradizionale ed atteso appuntamento con il Rally Lana Storico, gara di casa che ha sempre visto protagonista la Scuderia Laniera in ogni tipologia di competizione che la manifestazione Biellese ha proposto in questi anni.

Ed anche la 13^ edizione del Rally organizzato dal Velio 4×4 vedrà al via i rappresentanti B4R, pronti a dar battaglia lungo le strade che han fatto la storia del rallysmo Biellese. Saranno infatti i tratti di Campore, Baltigati e Bioglio i teatri di sfida del Lana 2024, da ripetersi due volte, per 99,64 chilometri cronometrati, a cui vanno aggiunti i 115,26 di trasferimenti, per un totale complessivo di 214,90 chilometri di gara. Centro nevralgico della manifestazione sarà nuovamente il “Centro Commerciale gli Orsi”, che ospiterà partenza, arrivo, riordino ed assistenza, mentre i remote service preceduti da veloci riordini, saranno situati a Pray.

A difendere i colori Biella 4 Racing nel Rally Storico ci penserà l’equipaggio formato da Ilario Vidale e Luca Colongo, che tornano a condividere l’abitacolo dopo la bella prova nel Lana moderno edizione ’23. Ad attenderli vi sarà la Peugeot 205 Rallye 1.3 gruppo A del tema PFA Motorsport. “Siamo veramente felici di essere al via di questo Lana”, racconta Ilario Vidale, “correremo su prove toste che han fatto la storia di questa manifestazione, sperando che il tempo sia clemente in questo fine settimana. La curiosità di utilizzare questa Peugeot 205 gruppo A è tanta, ed essendo per noi la prima gara con lei, l’adattamento sarà inevitabile, ma confidiamo di poterci esprimere bene su buoni livelli e provare a fare del nostro meglio. Il feeling con Luca cresce sempre di più, così come il divertimento. Gli amici che incontreremo saranno tanti, e la nostra Scuderia ci fornirà un grande supporto. Non vedo l’ora di indossare tuta e casco!”.

Sempre nel Rally Storico sarà al via anche il navigatore B4R Roberto Barbera, che detterà le note a Simone Borlotti sulla loro tradizionale Fiat 127 gruppo 3. “Dopo un anno sabbatico del mio pilota, torno a disputare il Lana Storico assieme a Simone”, esordisce Roberto Barbera, “gara che propone prove speciali storiche e sempre belle. La vettura, seppur il tradizionale 127, sarà per noi nuova, essendo di un preparatore con cui corriamo per la prima volta. Speriamo di adattarci velocemente e di trarre il massimo dal nuovo mezzo, essendo la nostra classe sempre affollata e super agguerrita. Un grazie fin d’ora alla nostra super Scuderia”.

Nella prova di Regularity Rally, che si preannuncia molto ricca di partecipanti, sarà della partita l’equipaggio formato da Luca Maielli e Giovanni Gambino, reduci dal bel terzo posto in quei di Saluzzo nella media 60-Alta, a bordo della loro Peugeot 205 GTi. “Gara di casa, gara titolata, gara importante”, ci racconta Luca Maielli, “gara che ci vedrà contro equipaggi di livello internazionale, ed il fatto di poter essere lì con loro per noi è già fonte di soddisfazione ed importanza. Faremo del nostro meglio e se non bastasse, anche di più! Sicuri di avere in B4R un team di supporto di prim’ordine!”. “Il primo obiettivo è sempre quello di divertirsi e di far divertire gli appassionati che ci vengono a vedere lungo le strade Biellesi”, continua Giovanni Gambino, “la gara di casa è prestigiosa e vanta la partecipazione di equipaggi di caratura internazionale. Grazie al sostegno della nostra Scuderia B4R ce la metteremo tutta per salire su quel podio che nel 2021 non potemmo fare”.

Il secondo equipaggio al via nella Regularity Rally sarà quello formato dai debuttanti con i colori Biella 4 Racing, Roberto Rossetta e Stefano Delucchi, al via sulla Lancia Fulvia Coupé, pronti a difendere il podio assoluto ottenuto la scorsa edizione nell’ormai pensionata Regolarità Sport. “Siamo molto contenti di tornare al Rally Lana, per me la gara preferita in assoluto”, commenta Roberto Rossetta, “con la curiosità di confrontarci nella nuova Regularity Rally, dopo il secondo posto nella Sport dello scorso anno. Speriamo di fare bene, non sarà facile anche considerando il gran numero di partecipanti annunciato al via, ma noi ce la metteremo tutta, con l’auspicio di passare un fine settimana divertente ed in allegria”.

Saranno nuovamente protagonisti nel ruolo di apripista del Regularity Rally, dopo la bella esperienza della passata stagione, Massimo Ozino e Roberto Tosi, impegnati in questo delicato quanto prestigioso ruolo di “overture”. Non poteva mancare, come ormai da tradizione, la collaborazione fra il Sodalizio Laniero e la Scuderia Grifone, anche quest’anno supportata in gara dalle ragazze e dai ragazzi griffati Biella 4 Racing. “Siamo veramente felici che anche in questo 2024 al nostro Lana Storico la Scuderia Grifone si appoggi in gara a noi, per i servizi di Assistenza ed Hospitality”, riportano gli esponenti B4R, “una collaborazione che ormai risale a parecchi anni fa e che è sempre più proficua fra le nostre realtà. Non possiamo che esserne orgogliosi. Fin d’ora va il nostro più sentito ringraziamento a tutti i nostri rappresentanti che si metteranno a disposizione durante il weekend di gara, sacrificando il loro tempo libero, e non solo, affinché tutto vada nel migliore dei modi per gli equipaggi assistiti. Un in bocca al lupo a tutti e… buon divertimento!”.

Tutti soddisfatti al Rally Valli Ossolane

Nella Foto Elio Magnano: Borghini – Casellato – Peugeot 208 Rally 4/R2

Sessant’anni e non sentirli. Il Rally Valli Ossolane raggiunge un invidiabile traguardo e a dispetto degli anni conferma tutta la sua tradizione capace di stare al passo coi tempi. L’appuntamento valido per la Coppa Rally di Zona ha regalato soddisfazioni anche alla Sport Forever. Molto buono l’esordio sulla Peugeot 208 Rally 4/R2 per Cristian Borghini e Giulia Casellato. “Abbiamo approfittato della gara di casa per provare finalmente la 208” ha dichiarato il pilota di Baveno. “Ci pensavamo da un po di tempo ed è stata una esperienza divertente e molto appagante, sicuramente da ripetere”. Soddisfatto anche Stefano Massano al via con Greta Pandiani sulla Renault Clio in classe N3 con la quale hanno chiuso al sesto posto. “Gran bella gara. Volevamo tornare sulla pedana all’arrivo e per questo non abbiamo preso rischi eccessivi. Ci siamo divertiti.” Fra i navigatori, un altra brillante vittoria per Ismaele Barra in gara con Alessandro Corsini sulla Renault Clio Rally 5. Dopo l’ottima prestazione sulle strade  valdostane concluso con il terzo posto, il navigatore di Brossasco aggiunge un’altra importante affermazione. “Siamo molto soddisfatti” dice Barra. “Con Alessandro continua il lavoro di crescita e devo dire che sulle strade ossolane i progressi sono stati davvero evidenti”.

Un rally Città di Torino tutto nuovo

Il percorso rinnovato fra la Valle di Lanzo e il Canavese. Nell’immagine (Foto Rolling Fast) i vincitori dell’edizione 2023 Elwis Chentre e Max Bay

Il Rally Città di Torino edizione numero 39 si presenta in una veste totalmente rinnovata. Sono infatti molte le novità che caratterizzano l’edizione 2024 della competizione promossa dalla RT Motorevent. Ad iniziare dalla location che ospiterà partenze, arrivo e tutto il quartier generale, che per la prima volta nella sua storia accenderà i riflettori sullo sfondo maestoso della Reggia di Venaria Reale. La cittadina a pochi chilometri dal centro di Torino ha accettato con entusiasmo l’idea di ospitare l’evento motoristico anche in previsione del 2025 dove sarà “Città Europea dello Sport”.

Cambia nella sua fisionomia anche la dislocazione logistica e il percorso di gara, che in questa edizione abbandona lo storico Col del Lys per ritornare a vivere l’atmosfera tricolore degli anni 90 quando la competizione torinese fu crocevia importante nel campionato 2 Litri  e la sfida abbracciava le celeberrime strade del canavese.

Il rombo dei motori avvolgerà l’interland  torinese da venerdì 23 Agosto ,quando a Lanzo In Piazza Rolle sede del Parco Assistenza, sono in programma le operazioni di verifica sportive e tecniche e nel pomeriggio lo shakedown.

Nella serata dal cuore del centro storico di Veneria Reale a pochi passi dalla famosa Reggia , in una location particolarmente suggestiva che non mancherà di essere la cartolina ideale per la presentazione al pubblico degli equipaggi .

Il via della gara  da Venaria Reale nella mattina del Sabato, i concorrenti da qui raggiungeranno Pessinetto per la prima prova speciale la “Monastero” lunga 14 chilometri che rispetto alle passate edizioni verrà percorsa in senso inverso, per  poi  trasferirsi nel canavese con due prove speciali.

Il secondo parziale la  “Pratiglione”  di circa 11 km,  ricalca il percorso della Ronde ma che rispetto a quella subirà tuttavia alcune modifiche e si svilupperà da frazione Santi , Carella fino Canischio . Anche il terzo parziale richiama alla mente le sfide di un tempo con la prova di “Borgiallo” di km 7,00 che da Bivio Nava porta a Chiesanuova e termina nei pressi di  Colleretto Castelnuovo.